Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2009/10

27 Marzo 2010

Roma – Inter

Tags: , , ,

Stemma_ASROMARoma – Inter: 2-1

***

Cjo’ solo du’ quartine e du’ terzine,
lo spazzio stretto che me dà ‘n sonetto,
p’ariccontavve che me scoppia er petto,
de gioia che nun pò avecce fine.
***
La Roma ha vinto: questo er verdetto.
Contro li tentativi de rapine,
de chi a vergogna ‘n conosce confine,
battendolo sur campo e sur fischietto.
***
Apre De Rossi, poi la pantomima,
de un pareggio finto e arigalato,
che me fa schifo già a mettelo in rima.
***
Ma è arivato Toni carro-armato,
e ha chiuso i giochi pe’ di’ a chi sta in cima,
“Ancora nun hai vinto er Campionato!”
***
Stefano Agostino

  1. Sìììììììììììììì sììììììììììììììììììì Come godooooooo

    Comment by Principessa — 27 Marzo 2010 @ 22:38
  2. il tuo sonetto più bello di sempre! Però fratellone mio, lasciate du versetti e ‘n fojo de carta per 16 maggio, che nun se sa’ mai…

    Comment by Paolo — 27 Marzo 2010 @ 23:45
  3. mamma mia ero stremata, solo adesso mi riprendo un po’. Ma che goduria ROMA MAGICAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!

    Comment by letizia — 28 Marzo 2010 @ 01:05
  4. Giustizia è fatta. Chi dice che li romani so’ pigri e fannulloni è servito. Come l’antichi legionari hanno conquistato er monno, allora noto, così ’sta schiera de lottatori, co’ ‘na botta sola, ha conquistato er monno intero, battenno ‘n’ orda de barbari famelici,simile a l'”Armata Brancaleone”, discesi da ogni sito a calpestare il sacro prato de l’Olimpico.

    Comment by 'svardo — 28 Marzo 2010 @ 14:25
  5. questo sì che è bello……………FORZA ROMAAAAAAAA

    Comment by Davide — 29 Marzo 2010 @ 16:24

Leave a comment

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

You can use these XHTML tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>