Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Posts Tagged ‘sonetto in romanesco’

I sonetti romani,Tempi d'oggi

14 Luglio 2010

Nudo ar Pantheon

Tags: , , ,

 nudo-pantheon

Nudo ar Pantheon

 

Chissà chi te credevi mai da èsse,

Apollo de noantri o forze Adone,

sei entrato ar Pantheon nudo a fà er piacione

speranno che quarcosa succedesse.

 

E te sei messo steso in posizzione,

sicuro che quarcuno ariprennesse,

le gesta tue da genio e diffonnesse

er video de st’impresa da campione.

 

  E sei riuscito pure ne l’intento,

de fatte vede in più de quarche sprazzo,

l’affare tuo ondeggià e le palle ar vento.

 

Che tanto te, che nun sei mica un pazzo,

lo slip te l’hai da mette sopra ar mento,

così che copre la testa de …..

 

Stefano Agostino

___________________________

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Aprile 2010

Mònno de ladri

Tags: , , ,

mònno de ladri

Mònno de ladri

***

Pò èsse che sto mònno è de li ladri?

Va avanti solo er fijo de ‘na mignotta!

Sto fatto qua me fa veni’ la gotta:

che si sei liggio scombini li quadri.

 ***

L’onesto pe’ sudasse la pagnotta,

ha da tira’ carette da mezzadri,

er losco, scartro e fijo d’ignote madri,

invece è ricco, senza che se scotta.

 ****

Che tanto si lo becca la finanza,

cor maggistrato che je fa’ er processo,

pe’ male che je va, sta in latitanza.

 ***

E si per caso mai, mettemo adesso,

è condannato pure ‘n terza istanza,

fra ‘n’ora sta già fòri cor permesso…

***

Stefano Agostino

___________________________

La Roma in rima,Stagione 2009/10

25 Aprile 2010

Roma – Sampdoria

Tags: , , ,

grazieRoma – Sampdoria: 1-2

***

Io ai miei je posso di’ solo che grazzie,

p’avemme arigalato sta staggione,

ogni partita è stata ‘n’emozzione,

che te nun pòi capi’: tifi la Lazzie.

***

E anche si oggi provo delusione,

ho le pupille accese e ancora sazzie,

de la mia Roma che, co’ tue disgrazzie,

m’ha fatto gode p’esse anche Campione.

***

Ma ho pensato a te perfino troppo,

quanno cio’ d’affronta’ ancora er Parma,

Cajari e Chievo e a vince senza ‘ntoppo.

***

Per questo dico ai miei, adesso carma,

mannamo via da la gola sto groppo,

che ancora nun s’è scaricata l’arma.

***

Stefano Agostino

La Roma in rima,Stagione 2009/10

27 Marzo 2010

Roma – Inter

Tags: , , ,

Stemma_ASROMARoma – Inter: 2-1

***

Cjo’ solo du’ quartine e du’ terzine,
lo spazzio stretto che me dà ‘n sonetto,
p’ariccontavve che me scoppia er petto,
de gioia che nun pò avecce fine.
***
La Roma ha vinto: questo er verdetto.
Contro li tentativi de rapine,
de chi a vergogna ‘n conosce confine,
battendolo sur campo e sur fischietto.
***
Apre De Rossi, poi la pantomima,
de un pareggio finto e arigalato,
che me fa schifo già a mettelo in rima.
***
Ma è arivato Toni carro-armato,
e ha chiuso i giochi pe’ di’ a chi sta in cima,
“Ancora nun hai vinto er Campionato!”
***
Stefano Agostino

I sonetti romani,Romanamente

16 Febbraio 2010

Scherzo de Carnevale

Tags: , , ,

bombolette

Scherzo de Carnevale

 

Martedì grasso, er giorno der sollazzo,

vale ogni scherzo e vale ogni vezzo,

de mascherasse a quarsiasi prezzo,

arischiannose n’occhio paparazzo.

 

Coriandoli che stanno sempre in mezzo,

anch’er più saggio sembra uscito pazzo,

pe’ ‘n giorno nun c’è rissa, nun c’è scazzo,

ma voja de gioca’  a lo stadio grezzo.

 

Chi da cawboy, chi da cavallerizzo,

chi da pirata, samurai o mozzo,

chi da supereroe, chi da scugnizzo.

 

De bombolette spray se fa gran spruzzo,

c’è sempre chi poi esaggera, er più rozzo,

che manna in giro quelle che fan puzzo!

 

Stefano Agostino

______________________________

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Settembre 2009

Sensi de còrpa

Tags: , , ,

sensicolpa

Sensi de còrpa

 

Sensi de còrpa,  quanti ce n’ho avuti,

quanti ce n’ho e quanti me vèranno,

ce campo sin dar primo capodanno,

e finchè andrò all’arberi pizzuti.

 

Sensi de còrpa, fanno solo danno,

ammazzeno li giorni che hai vissuti,

confonneno ricordi e attribbuti,

e nun se levano passanno un panno.

 

C’è poi chi è Re pe’ fatteli venire,

che te da’ addosso e fa senti’ ‘na cacca,

nun ha artre idee, no, nè artre mire.

 

Ma  mo’ sta a me a  fa’ che nun m’acciacca,

chè artrimenti sarei io a finire

cor da’ raggione a lui, e porca vacca !!!

 

Stefano Agostino

______________________________