Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 19th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020/21

19 Settembre 2020

Verona – Roma

Verona – Roma: 0-0

***

Comincia co un pareggio zero a zero,

er novo anno e la nova staggione,

che se direbbe sia senza emozzione,

ma chi dice così nun dice er vero.

***

Pe pali presi da ‘gni formazzione,

e er gioco costruito tutto intero,

la gara è stata viva pe davero,

pe tutto er tempo, fin’a conclusione.

***

Ma resta, dopotutto, ‘na domanna

che nun se pò evità … è si co Dzeko

cambiava er risurtato de ‘na spanna.

***

Ma è un discorzo che nun cià ‘na eco,

sinnò ar cervello de chi mó commanna,

che nun ce pò lassà quer vòto bieco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Trilussa – A un amico

A un amico

***

Che te ne viè in saccoccia quanno hai pianto?

T’ha lassato pe quello? Poco male.

Si lei se fa cosà da l’ufficiale

tu mettite co Giggia e fa artrettanto.

***

La donna cià quer vizzio naturale

prima vò bene, nun se sa si quanto,

poi se stufa e è finito, pe me tanto,

oneste o no, sò tutte tal’e quale.

***

E quanno te se magneno de baci

che nun te dànno tempo de risponne,

mica è pe gnente, è segno che je piaci.

***

Ma nun te crede che te s’affezzioni,

nu’ lo sai che l’amore de le donne,

è sempre ‘na rottura de illusioni?

***

Trilussa

_____________________

*****