Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Ottobre 2020

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

Dar Vangelo der giorno: “le Beatitudini”

***

Gesù salì sur monte a dì a chi c’era:

“Er povero de spirito, beato,

chi piagne mó, sarà ariconzolato,

er mite, ché erediterà la Tera.

***

Chi ha fame e sete ché verà sazziato,

ma quella de Giustizzia, quella vera,

chi cià misericordia, giorno e sera,

chi è puro assai de còre, a Dio affacciato.

***

Beato poi chi opera la pace,

verà chiamato, infatti, fìo de Dio,

chi è perzeguitato ingiusto e tace.

***

Beati voi quanno ve inzurteranno,

e soffrirete pe ‘sto credo Mio,

ve aricompenzerà Lassù ‘gni danno. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

31 ottobre, usa la zucca!

31 ottobre, usa la zucca!

***

Amico mio te prego, damme ascorto:

nun festeggià più Halloween p’er fatto

ch’è un modo d’esartà quer “granne ratto”,

padrone de l’Inferno e er monno morto.

 ***

Dietr’a le zucche vote e a quarche gatto,

se vole richiamà quer “drago sciorto”,

co simboli de mostri e streghe, abborto

d’artre curture de tutt’artro tratto.

***

Nun dico p’er dorcetto o lo scherzetto

quanno li bimbi soneno a la porta,

nun ciavrei scritto certo ’sto sonetto.

 ***

Usa la zucca intera e da stavorta,

nun daje spazzio ar “verme” e ar suo aspetto,

tra li fantasmi, zombie e gente morta.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

30 Ottobre 2020

Roma – CSKA Sofia E.L.

Roma – CSKA Sofia 0-0

***

Finisce co un pareggio, un punticino,

che serve a mantené stessa distanza

da tutte l’artre che pe militanza

se giocheno er girone pe destino.

***

Un pari che sarebbe ito a ortranza

la porta, pure vista da vicino,

sembrava èsse più ‘no sgabbuzzino,

rimpicciolito pe allargà ‘na stanza.

***

La Roma tiè la palla e gioca bene

per larghi tratti domina davero,

ma tira poco e senza mai dà pene.

***

Rischianno pure de subbì pe intero

‘na beffa a prenne go’ a spezzà schiene,

ma nun succede … e tutto è zero a zero.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Ottobre 2020

Caos e Caso

Caos e Caso

***

In de ‘sta vita gnente sorte a caso,

seconno me c’è un filo conduttore,

pe ‘gni perzona ar monno a fà da attore

ner firm ch’è solo er suo, armeno a naso.

***

Quer che chiamiamo “caso” cià un Autore

che rima cor destino e raso raso

te crea l’occasioni e lassa invaso

l’arbitrio che fa libbero ‘gni còre.

***

Sta solo a noi provà o no a afferalle

ner mentre che ce passeno de fronte,

tiranno, più de un po’, fòri le palle.

***

Io la vedo così, sbajo orizzonte?

Pò èsse, ma ner dubbio si annà a valle

io scergo sempre de salì su un monte.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

28 Ottobre 2020

Nun va minimizzata la protesta

Nun va minimizzata la protesta

***

Nun va minimizzata la protesta,

si va stigmatizzata la violenza,

sempre sbajata e pura delinguenza,

ce sta chi civirmente va e contesta.

***

Chi der lavoro cià da stanne senza,

e nun sa più ‘nd’annà a sbatte la testa,

co ‘na chiusura come mó, funesta,

che vole dì già cede la licenza.

***

Perciò si la violenza è da estromette,

de certo nun va sottovalutato

chi vò difenne er pane e sta a le strette.

***

Ce vonno aiuti e subbito de Stato,

e no promesse d’evità bollette,

che der più carmo, fanno un incazzato!

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

27 Ottobre 2020

Milan – Roma

Milan – Roma: 3-3

***

Poco da dì deppiù: ‘na granne Roma,

tre vorte che va sotto e s’ariarza,

lotta, de tigna, pure sporca e scarza,

ma certamente, se pò dì, mai doma.

***

Sotto dopo un’anticchia nun s’è sparza,

anzi attacca e Dzeko co la chioma,

fa uno a uno … detto in de ‘st’idioma,

co l’avverzario a faje da comparza.

***

Seconno tempo e subbito due a uno,

poi su rigore Veretout dà er pari,

artro rigore er loro … co nisuno …

***

… ch’ormai penzava più a salì l’artari,

tranne Kumbulla … che fa tre ciascuno,

‘na granne Roma … d’ommini ordinari.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

26 Ottobre 2020

Misure anti-covid

Misure anti-covid

***

Nun vojo contestà, anzi so’ er primo

che riconosce che ‘sta pandemia,

è dura da gestì, tra economia

salute da difenne … e nun m’esprimo.

***

‘Na cosa vojo dilla, dì la mia,

oggetto de la cosa che ve rimo,

perché chiude chi è in regola, e lo stimo,

co leggi e norme? Nun è mai la via.

***

Perché serrà palestre e ristoranti,

ch’hanno disposto bene ‘gni misura

de iggiene, sicurezza e stà distanti?

***

Fai chiude chi se sbraca e nun se cura

de li contaggi pe contà contanti,

ma a l’artri nun je strigne la cintura.

**

Smart working pe chi pò e scòle avanti

co la didattica ben più sicura,

misure da pià, in pochi istanti.

***

Stefano Agostino

__________________________

***