Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre, 2020

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Settembre 2020

L’assasinio de Eleonora e Daniele

L’assassinio de Eleonora e Daniele

***

L’ha uccisi perché ereno felici,

co ‘sta freddezza lui l’ha dichiarato,

ner senzo che l’invidia j’ha bruciato

quer mozzo de cervello a le radici.

***

Così de botto in casa j’è ‘mboccato,

a quelli che poi ereno l’amici

la rabbia e la violenza direttrici,

nun cià più visto gnente e ha ammazzato.

***

Ce dicheno poi arcuni conoscenti,

che ‘sto soggetto è un bravo regazzo,

che nun sanno spiegasse li moventi.

***

“Vò diventà infermiere, se fa un mazzo …”

ma intanto ‘sti du’ pòri innocenti

mó nun ce stanno più … teste de ca… !!!

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Settembre 2020

29 settembre: festa de l’Arcangeli

29 settembre: festa de l’Arcangeli

***

In sopr’ar pizzo de tutte le schiere

de l’Angeli de fronte a Dio sospesi

pe preservà er mistero Suo e tesi

a rènne viva da le alte sfere …

***

… la Sua presenza a l’omo, sò distesi

l’Arcangeli che pe Cerimoniere

ciàn compiti distinti pe mestiere,

senza che se distingueno pe pesi.

***

Michele che de satana è avverzario,

che sta a protegge er popolo de Dio,

poi Gabriele, che fa er Suo emissario.

***

C’è Raffaele, quinni, mai restio

a medicà e soccore missionario,

e l’omo pò avvalesse de ‘sto Trio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020/21

27 Settembre 2020

Roma – Juventus

Roma – Juventus: 2-2

***

Finisce co un pareggio ar retrogusto

che sa d’avé mancato la vittoria,

du’ vorte in vantaggio e poi la storia

dice de un omo in più … che cambia er gusto.

***

Co Dzeko che du’ vorte sbaja … scoria

de questa settimana de trambusto,

er pari loro quinni serve giusto 

a ricordà chi scorda la memoria.

***

Così se pìa un punto … un primo passo

dopo la cavolata de Verona,

ma qui s’è visto gioco d’arto tasso.

***

Che fa sperà d’èsse su strada bona,

pe quanto ora sia da un punto basso,

pe comincià a salì ‘ndó se raggiona.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

Dar Vangelo der giorno: “un padre co du’ fìi”

***

Gesù je fece a sacerdoti e anziani:

“Un omo co du’ fìi, je dice ar primo,

va’ a lavorà la vigna e quello: – Imo –

ma nun ce va, né oggi e né domani.

***

L’artro fratello: – No, manco a li cani –

je fa ar padre, ma se pente e, dimo,

che invece poi ce va, chi è che stimo?”

Risposero: “Er seconno, co occhi sani”.

***

“In verità ve dico, è questo er punto”,

je repricò Gesù, “chi m’ha creduto,

prima de voi in Celo sarà aggiunto.

***

Pentisse, anche a l’urtimo minuto,

sarva ‘gni omo, anch’er più bisunto,

si è vero pentimento conosciuto”.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani

26 Settembre 2020

Aldo Fabrizi – Nun m’aricordo bene

Nun m’aricordo bene

***

Nun m’aricordo bene in che paesetto,

quanno che mòre un capo de famìa,

er parentado je fa compagnia,

facenno un pranzo intorno ar cataletto.

***

La tradizzione vò che ‘sto banchetto,

preparato durante l’agonia,

se faccia, senza tanta ipocrisia,

cor medico, cor prete e er chirichetto.

***

Doppo li pianti, la famìa se carma,

e ar punto che la pasta viè servita,

se brinda a la salute de la sarma.

***

Poi c’è l’invito, pe nun faje un torto,

e si a ‘st’invito nun ritorna in vita,

significa ch’er morto è propio morto.

***

Aldo Fabrizi

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Settembre 2020

La prima pioggia

la prima pioggia

La prima pioggia

***

L’odore aspro de la prima pioggia,

che serve a svejà strade sbruciacchiate

dar disco acceso in celo de l’estate,

cià un sapore suo, cià ‘na sua foggia.

******

Preludio ar lento accorcio de giornate,

che sa d’Autunno e l’aria se fa moggia,

fin’a toccà l’Inverno a cui s’appoggia,

pe scegne in righe e gocce colorate.

***

La prima pioggia cià l’aria de festa,

pulisce er celo, co lo strofinaccio

de nuvole che passa in su la testa.

***

La prima pioggia è come er primo abbraccio,

quello che scalla er core e che te resta

stretto là dentro, dopo torto er braccio.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

24 Settembre 2020

La rima de l’elezzioni

La rima de l’elezzioni

***

Spiegateme perché, nun lo capisco,

er giorno appresso a tutte l’elezzioni,

la maggioranza co l’opposizzioni,

useno sempre poi lo stesso disco.

***

“Avemo vinto!” … e granni paroloni,

quanno vedo lo spojo m’ammattisco,

ma come avete vinto ?!? E me stranisco …

aribbartate già le votazzioni.

***

Perché c’è sempre er turno precedente,

si nun bastasse, pure quello prima,

pe dimostrà a la fine solamente …

***

… che ciànno tutti … e se pò fà ‘na stima,

la colla a quela sedia der potente,

tanto la faccia e er culo fanno rima.

***

Stefano Agostino

__________________________

***