Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto, 2020

I sonetti romani,Romanamente

31 Agosto 2020

Cotto a puntino

Cotto a puntino

***

Credevi fusse morto indentr’ar petto,

e invece ce l’hai lì che ancora batte,

te lo credevi areso ner combatte,

quanno ch’ancora lotta co l’ermetto.

***

 Intenno er còre tuo … basta guardatte,

senza nemmanco rifissà l’aspetto,

che stai come quann’eri regazzetto,

appresso ar primo amore da sognatte.

***

Dicevi che nun eri più disposto

a perde tempo e sonno pe nessuna,

ce credevamo tutti e tutt’apposto.

***

Poi t’è bastato già un chiaro de luna,

l’abbraccio e un bacio e ‘na notte d’agosto,

che stai più cotto der Sahara a l’una.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Agosto 2020

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

Dar Vangelo der giorno: “rinnegà se stessi”

***

Ciaveva da soffrì e anche parecchio,

salì a Gerusalemme p’èsse ucciso,

così j’ariccontò e Pietro, deciso,

je disse: “Nun ciannà”, un po’ de sottecchio.

***

Gesù arispose: “Vattene”, conciso,

“Lungi da me, de satana sei specchio,

ma te n’accorgerai, quanno, da vecchio,

dovrai da annà ‘ndó nun l’hai condiviso.

***

Chi vò venì da Me scerga, veloce,

de vive già a rinnegà se stesso,

e accetti inzieme a Me la propia croce.

***

Chi vò sarvà ‘sta vita è da cipresso,

ma chi la perderà pe ‘sta Mia voce

la sarverà, e lì Me verà appresso”. 

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Agosto 2020

Nummeri: UNO

Nummeri: UNO

***

È l’unità, er primo, er più nanetto,

è er nome de quer tizzio, quer quarcuno

l’omo qualunque che se dice “uno”,

è Uno e Trino l’Essere perfetto.

***

Inzieme a centomila e a nessuno,

diceva Pirandello e er mio rispetto

è er “single” si vò stà solo soletto

o pe scerta de l’artri, sarvognuno.

***

Er nummero ch’è er primo de la scala

er pollice ner conto de le dita,

che ner prodotto er totale impala.

***

È acceso ner “binario” e ne la vita

è er vero amore, quello che nun cala,

ch’è solo “uno” fin’ar cartello “uscita”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Agosto 2020

Ciài da tené a l’amichi

 Ciài da tené a l’amichi

***

Ciài da tené a l’amichi, amico caro,

perché potresti aritrovatte solo,

‘sta vita mica sempre segue er volo

ch’hai scerto tu, pe mettete ar riparo.

***

L’amico vero, no uno preso a nolo,

che sappia quanno ride o èsse amaro,

che te comprenna e che nun faccia er baro,

puranche quann’è er tempo der conzolo.

***

Lo so ch’è tosta aritrovà un amico,

ma si ne scovi uno tiello stretto,

nun te lo fa scappà, te l’aridico …

***

… Ché a perde un’amicizzia cià un effetto

de fasse male che nessun nemico

ce riesce uguale manco co un proggetto.

***

Stefano Agostino

____________________

***

A tavola,I sonetti romani

27 Agosto 2020

La Carbonara

La Carbonara

***

Er sommo amplesso tra er guanciale e l’ova,

mist’ar formaggio e ar pepe grattuggiati,

è er “nunprusurtra” pe gole e palati,

da ’ngolosì co un’emozzione nova.

 ***

Lo sanno pure scapoli e ammojati,

che mejo piatto ar monno nun se trova

e che magnà la “carbonara” giova,

a lingua, bocca e stommico allignati.

 ***

Usa le penne oppure li spaghetti,

nun sò da disdegnà li rigatoni,

basta ch’abbonni, quanno che li metti.

 ***

Nun fà che la cottura s’appapponi!

Ché de la pasta scotta, a denti stretti,

è mejo un carcio in mezzo a li cojoni…

***

Stefano Agostino

______________________________

***

Per il videosonetto cliccate quiLa Carbonara

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Agosto 2020

Er soriso

Er soriso

***

Ce la pòi fà, lo so, famme un soriso!

Pure che nun te va, nun dole mica!

Stenni ’ste labbra, Dio te benedica,

bravo così, perfetto, su quer viso.

 ***

Ce sei riuscito! È tutta ’sta fatica?

T’ho visto sai che guasi guasi hai riso,

seconno me lassù ner Paradiso,

ce sta ‘gni faccia che soride amica.

 ***

Dentr’a un soriso e manco mai anniscosta,

c’è l’anima che vole sortì fòri,

pe abbraccicasse l’occhi fatti apposta.

 ***

E nun ce sò ricchezze superiori,

de quella in cui er soriso è la risposta,

a guai, penzieri, infamità e dolori.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

25 Agosto 2020

Acqua

Acqua

***

È l’acqua, sin da quanno sgorga in fonte,

er friccico de Vita der Pianeta,

che venghi giù a cascata oppure quieta,

fin’a che ariva ar mare inzù dar monte.

***

E nun c’è poesia e né poeta,

che ciabbia corde afone de fronte,

ner mentre fissa dritto l’orizzonte

e l’occhio indetr’ar mare se disseta.

***

L’acqua prezziosa in de ‘gni goccia e a goccia,

zampilla de freschezza trasparente

riggenera, pulisce e se fa doccia.

***

E vale più de l’oro veramente,

ben più de lo scavà quarziasi roccia,

chiedilo a chi cià sete ‘ndov’è assente …

***

Stefano Agostino

_________________________

***