Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Luglio 2020

Sant’Ignazzio de Loyola

Sant’Ignazzio de Loyola

***

È er dì de sant’Ignazzio de Loyola,

ch’ebbe la Grazzia de intravede Dio,

dentro ‘gni cosa ar monno e ner suo io

scritta ner còre in fonno la Parola.

***

Riconosceva in tutto l’èsse fìo,

creato da Dio Padre pe fà scòla,

co l’omo e la natura, cosa sola,

Presenza viva der Signore Iddio.

***

Sin dar comincio primo de l’inizzi,

studiò come trasmette la Preghiera,

che poi tradusse in tutti l’Esercizzi.

***

E de Gesù fonnò la Compagnia,

co intento de abbraccià la Vita Vera,

der Fìo de Dio, ch’è nato da Maria.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

30 Luglio 2020

Torino – Roma

Torino – Roma: 2-3

***

La Roma vince e se piazza quinta,

che vole dì evità preliminari,

lo fa in rimonta e nun sò più rari

li casi che annà sotto dà la spinta.

***

Così che Dzeko segna er go’ der pari,

poi Smalling co la tigna e co la grinta

segna er due a uno … e sembra guasi vinta

sur tre de Diawara a sarpà mari.

***

Poi arisegna er Toro e s’avvicina,

la Roma regge botta fino in fonno,

er mejo modo de staccà la spina.

***

Pe come s’era messa er quinto posto

si nun sarà mai la fine der monno

è ‘na conquista granne perch’è agosto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Luglio 2020

Er fonnamento de democrazzia

Er fonnamento de democrazzia

***

Che brutta la mancanza de rispetto,

spece si poi è de l’idea artrui,

è segno de li tempi arquanto bui,

de civirtà buttata ar gabbinetto.

***

Ne l’univerzo c’è sortanto Lui

che se pò definì d’èsse perfetto,

ner mentre ‘gni omo cià quarche difetto,

ma pari dignità, cosa pe cui …

***

… difficirmente torto co raggione

stanno de qua o de là, ma in compagnia,

s’ammischieno facenno confusione.

***

Er fonnamento de democrazzia,

è arispettà e nun crede sia un cojone

chi cià un’idea diverza da la mia.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Luglio 2020

Quanno che va più o meno tutto storto

Quanno che va più o meno tutto storto

***

Quanno che va più o meno tutto storto

e ciài l’umore ch’è sott’a le sòle,

che t’aripeti: “nun ce sò parole”,

co scritto ar grugno quanto sei sconvorto …

***

… nun je dà retta a chi pare te vole

già dà ‘na mano, cor braccino corto,

se limita a sortì: “Che te s’è sciorto?”,

ma se ne frega der perché te dole.

***

Più mejo è riguardasse in de lo specchio,

trovà arifresso er solo veramente

a cui je ‘mporta de prestatte orecchio.

***

A cui però nun ciài da spiegà gnente,

e che t’assisterà pure da vecchio,

fàllo pe lui … raddrizza ‘sto presente!

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

26 Luglio 2020

Roma – Fiorentina

Roma – Fiorentina: 2-1

***

Du’ go’ de Veretout su du’ rigori

a fà tre punti boni ar quinto posto,

pe nun dové giocà più o meno a agosto

preliminari e rischi d’annà fòri.

***

Vittoria quinni che vale piuttosto

pe evità possibbili dolori,

‘na bella Roma co parecchi attori

che nun sò fumo, anzi sò l’arosto.

***

Impianto che com’è va poi tenuto

e mijorato pe l’anno venturo

mejo de questo che avemo vissuto.

***

Senza cessioni grosse de sicuro

co quarche innesto che sia conosciuto

che possa rigalacce un ber futuro.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “parabbole sur Regno”

Dar Vangelo der giorno: “parabbole sur Regno”

***

“Er Regno è quer tesoro ch’è anniscosto”

— disse Gesù — “e quello che lo trova,

pur de ottené er campo ‘ndó lo scova,

se vènne tutto pe comprà quer posto.

***

È come quer mercante che aritrova

la perla più prezziosa e tosto, tosto,

se dà via tutto pe acquistà, piuttosto,

la pietra ch’ha scoperto e che arinnova.

***

Er Regno è rete ch’è gettata in mare,

ch’è fatta pe pescà un sacco de pesci,

 finché s’ariempie, ar lume de lampare.

***

Quanno ch’è piena, ariva er pescatore,

(e prova a immagginallo si ce riesci),

se capa er pesce e scejerà er mijore”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani

25 Luglio 2020

Er pignoramento – Trilussa

Er pignoramento

***

Avressi da vedé la prepotenza

de l’usceri der terzo mannamento:

spalancheno la porta, entreno drento,

nun sarveno nemmeno l’apparenza.

***

Fanno un giretto pe l’appartamento,

uno scrive, uno detta: “Una credenza,

un tavolino de la rinascenza,

un comò, quattro sedie, un paravento”.

***

È un anno che quer povero mobbijo

va via, ritorna a casa e rivà via,

lo compro, lo rivenno, lo ripijo.

***

E tanto è er movimento, che li mobbili

cammineno da sé! La serva mia

lo sai come li chiama? L’automobbili.

***

Trilussa

_______________________

***