Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio 26th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

26 Luglio 2020

Roma – Fiorentina

Roma – Fiorentina: 2-1

***

Du’ go’ de Veretout su du’ rigori

a fà tre punti boni ar quinto posto,

pe nun dové giocà più o meno a agosto

preliminari e rischi d’annà fòri.

***

Vittoria quinni che vale piuttosto

pe evità possibbili dolori,

‘na bella Roma co parecchi attori

che nun sò fumo, anzi sò l’arosto.

***

Impianto che com’è va poi tenuto

e mijorato pe l’anno venturo

mejo de questo che avemo vissuto.

***

Senza cessioni grosse de sicuro

co quarche innesto che sia conosciuto

che possa rigalacce un ber futuro.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “parabbole sur Regno”

Dar Vangelo der giorno: “parabbole sur Regno”

***

“Er Regno è quer tesoro ch’è anniscosto”

— disse Gesù — “e quello che lo trova,

pur de ottené er campo ‘ndó lo scova,

se vènne tutto pe comprà quer posto.

***

È come quer mercante che aritrova

la perla più prezziosa e tosto, tosto,

se dà via tutto pe acquistà, piuttosto,

la pietra ch’ha scoperto e che arinnova.

***

Er Regno è rete ch’è gettata in mare,

ch’è fatta pe pescà un sacco de pesci,

 finché s’ariempie, ar lume de lampare.

***

Quanno ch’è piena, ariva er pescatore,

(e prova a immagginallo si ce riesci),

se capa er pesce e scejerà er mijore”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***