Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno, 2020

Frammenti di Roma

30 Giugno 2020

Intervista a Radio 21 aprile web

Intervista a Radio 21 aprile web

***

I sonetti romani,Romanamente

Senza certezze

Senza certezze

***

Nun se capisce più a chi dà retta,

ce sò arcuni medici e scenziati,

 che a paroloni e in più, mostranno dati,

ce dicheno ch’er virus è robbetta …

***

… che cià li giorni ormai che sò contati,

poi c’è l’OMS che s’affretta

a dì ch’er peggio ancora se l’aspetta,

nun è finita e tocca stà allertati.

***

Sin da l’inizzio de la pandemia,

nun c’è unanimità de posizzioni,

intorno a che sarà ‘sta malatia.

***

Se fanno quinni solo previsioni,

senza certezze, ma da lotteria,

cor monno che se rompe li … pormoni.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Giugno 2020

Li Santi Patroni

Li Santi Patroni

***

San Pietro in fonno a l’Appia, fòri porta,

stava a scappà quer giorno da li guai,

quanno incontrò Gesù: “Signo’, ’ndó vai?”

“A famme crocifigge un’artra vorta”.

 ***

Allora Pietro disse: “Nun sia mai:

’sta capa mia, da la memoria corta,

che me sia messa in croce, capovorta,

ma Tu Signore no, resti ’ndó stai”.

 ***

San Paolo fu, poi, decapitato,

lì ar Santuario de le Tre Fontane,

ch’er capo a ’gni rimbarzo ha zampillato.

 ***

Guasi a scusasse pe ’st’esecuzzioni,

de tutt’e due a Roma j’arimane

d’aricordalli mó Santi Patroni.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

28 Giugno 2020

Milan – Roma

Milan – Roma: 2-0

***

Se gioca su a Milano dentr’a un forno,

‘ndó mancheno le fiamme, me c’è er foco,

così se gioca giusto pressappocco,

un tempo solo e l’artro è senza scorno.

***

Quinni la Roma ce mostra un ber gioco

solo ner primo tempo, ma ar ritorno

cor callo, come fusse mezzoggiorno,

è ita giù de tono e manco poco.

***

Peccato che s’è perza l’occasione

de annà a rincore ancora er quarto posto,

che avrebbe dato un senzo a ‘na staggione.

***

Che poi è da giocà a qualunque costo,

così li propietari der pallone …

co un carcio in pieno lujo e pieno agosto.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje Me”

Dar Vangelo der giorno: “chi accoje Me”

***

“Chi ama padre, madre, fìo o fìa

più d’amà Me, de Me lui nun è degno,

chi nun pìa la sua croce, allora è segno

che la sua via nun è la via Mia.

***

Chi trova la sua vita pe sostegno

la perderà, chi pe seguì ‘sta Via,

la perde poi la troverà, ossia,

sarà poi parte un giorno der Mio Regno.

***

Chi accoje voi discepoli Me accoje

e accoje già Colui che m’ha mannato,

com’er profeta e er giusto, a le sue spoje …

***

… verà de certo poi ricompenzato,

co ricompenza che nisuno toje,

così chi dà da beve a l’assetato”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani

27 Giugno 2020

Aldo Fabrizi – Come viè più bona?

Come viè più bona?

***

È sempre bona, come sia, stufata,

a scappa-e-fuggi, ar sàrto, abbrustolita,

ar naturale, semprice, farcita,

bollente, fredda, tiepida, gelata.

***

Ar dente, scotta, inzipida, salata,

bastarda, inciafrujata, rotta, trita,

a la “franzosa”, molla e aribbollita,

a la “svizzera”, languida e incollata.

***

Abbasta solo a scoperchià un tigame,

la panza attacca quer gorgheggiamento,

che pare com’er coro de la fame.

***

E fate caso, quanno se scudella,

chi cià l’incrinazzione ar sentimento,

se sente ride tutte le budella.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Giugno 2020

Me viè de getto

Me viè de getto

***

Me so’ rimato a tempo ‘sto sonetto,

pe poi risponne a la domanna: “come

me viè da scrive”, e daje un soprannome,

intitolannolo: “Me viè de getto”.

***

Buttato giù com’è, poi penzo ar nome,

cercanno er più spontaneo e diretto,

dopo er quattordicesimo verzetto,

ce metto er fiocco co nome e cognome.

***

“Me viè de getto”,  è un titolo d’esempio,

che spiega scrive in verzi l’impressioni,

 venute lì, senza che me ce stempio.

***

Penzieri, spunti, idee e rifressioni,

(si sbajo chiedo scusa a Stato e Tempio),

che manno in giro in cerca d’emozzioni.

***

Stefano Agostino

______________________

***