Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio 19th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

19 Luglio 2020

Roma – Inter

Roma – Inter: 2-2

***

‘Sta Roma meritava ‘na vittoria,

ma è finita solo co un pareggio,

che preso su rigore guasi a sfreggio

è assai più amaro ancor de la cicoria.

***

La Roma gioca e scambia ber palleggio,

va sotto poi rimonta che, a memoria,

succede poche vorte ne la storia

come in de ‘sto periodo a freggio.

***

Aumenta un po’ er rammarico giocanno

così pe tutto quanto er campionato,

era un’artra staggione o più un artr’anno.

***

C’è da finì comunque e va giocato

senza mollà mai gnente, né fà danno,

pe un quinto posto che va conquistato.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er grano e la zizzania”

Dar Vangelo der giorno: “er grano e la zizzania”

***

“Er Regno è come quer seminatore

che semina er bon seme in sopr’ar campo,

ma mentre tutti dormeno, in un lampo,

viè a seminà zizzania er detrattore.

***

Così ner cresce questa nun dà scampo

e vole soffocà er frutto mijore,

le spighe de quer grano ch’è l’amore,

ner mentre lei zizzania mette inciampo.

***

Li servi der seminatore giusto,

je chiesero ar padrone: “La tojemo

‘sta robba che fa schifo e nun dà gusto?”

***

Ma quello j’arispose: “Nun la temo,

lassatela sortì co tutto er fusto,

inzieme ar grano, dico, e nun so’ scemo …

+++

… ché ar tempo de la mietutura aggiusto

le cose io: er grano a spighe spremo,

co la zizzania ce faccio un combusto!”

***

Stefano Agostino

________________________

***