Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Agosto 22nd, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

22 Agosto 2020

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che ce faccio su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si c’è qui chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, si me stai dietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

“Clinicamente morto”, ma de che?

“Clinicamente morto”, ma de che?

***

Certo si raggionassi più tranquillo,

cor virus che continua a dà contaggio,

de certo, quantomeno un po’ più adaggio,

te ne usciresti: “È morto!” … o no? …. Zangrillo.

***

Perché si è morto, e stamo come a maggio,

c’è quarche cosa che, me viè da dillo,

lo fa risuscità, visto lo squillo,

de ‘sta seconna onnata de passaggio.

***

Co ventidu’ mijoni de infettati,

dico ner monno, si questo è l’annazzo,

a dì ch’è morto cià li stessi dati …

***

… de li terrapiattisti e un imbarazzo

dovrebbe da venitte … quanno fiati:

“Clinicamente morto” … sì, cor cazzo !!!

***

Stefano Agostino

_________________________

***