Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 26th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2021-22

26 Settembre 2021

Lazio – Roma

Lazio – Roma: 3-2

***

S’è perzo er derby. Quinni la quartina

nun pò trovà chissà mai quale rima,

chi è romanista sa com’è er clima

e anche er morale mó che sta in cantina.

***

Partita combattuta in cui se stima

che s’è giocato co l’adrenalina,

punteggio in artalena co la spina

de ‘na partenza sotto già da prima.

***

Però la Roma j’ha dato battaja,

e fino a la fine cià provato,

p’er nome de la squadra e de la maja.

***

P’er resto nun finisce er campionato,

pure cor derby perzo … nun se sbaja

a tifà Roma, ortre er risurtato.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

Dar Vangelo der giorno: “si un organo è de scannalo”

***

Disse Gesù: “Chi scannalizza un pupo,

è mejo che co un sercio intorno ar collo,

se butti e resti giù fisso in ammollo,

in fonno ar mare, dritto da un dirupo”.

***

E ancora: “Si la mano tua dà accollo,

a scannalo de un brutto, cupo cupo,

nun perde tempo, mozzela da lupo,

è mejo ar Regno monchi e co barcollo …

***

… che a l’Inferno o Geènna indentr’ar foco.

Similimente er piede oppure l’occhio,

tajali, si de scannalo anche poco.

***

È mejo entrà o zoppi o orbi ar cocchio,

su ar Paradiso, che sani in quer loco

‘ndó regna er verme e tutto è un gran papocchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***