Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 12th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2021-22

12 Settembre 2021

Roma – Sassuolo

Roma – Sassuolo: 2-1

***

‘Na gran partita da entrambe le parti,

indubbiamente forte ‘sto Sassuolo,

ma a vorte basta un gesto, uno solo,

che cambia er risurtato in belle arti.

***

La Roma va in vantaggio, ma co dolo,

se fa poi pareggià e nun se scarti,

poi ‘gni intervento der portiere e sparti

che tremeno, ma poi se prenne er volo.

***

Quanno ch’er Faraone in pennellata

disegna un go’ stupenno pare un sogno

la Roma vince pe mano fatata.

**+

Ripenzi ar palo preso e ciài bisogno

de sali pe la rete annullata …

triplice fischio … è tutt’er fabbisogno.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

Dar Vangelo der giorno: “Simon Pietro”

***

Gesù, a li discepoli in preghiera,

je fece allora, in separata sede:

“La gente ve domanna mai, ve chiede

chi so’ e che ce faccio su ’sta Tera?

 ***

Vojo sapé si c’è qui chi me crede,

e crede a ’sta parola mia, ch’è vera”,

a la risposta poi chiese a chi c’era:

“E voi che dite? So’ o nun so’ l’erede?”

 ***

“Tu sei Cristo Gesù, er Fìo de Dio”,

rispose, trasparente com’er vetro,

Simone er pescatore e Gesù: “Io…

 ***

…dico che sei la pietra, e sarai Pietro,

su cui fonnà la chiesa, e er mazzo mio

de chiavi de Lassù, si me stai dietro!”

***

Stefano Agostino

____________________________

***