Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 11, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

11 febbraio 2018

Roma – Benevento

Roma – Benevento: 5-2

***

Se vince pe riequilibbrà la storia,

e ricaccià de sotto a tutti “quelli”,

e tornà quarti che vor dì gioielli

de posto in Champions da mannà a Trigoria.

***

Se vince cinque a due che va in memoria

come ‘na gara in cui senza sfracelli

tu riesci a portà a casa ma sbarelli

su l’uno a zero loro e sarmi in Gloria.

***

Poi Fazio fa uno a uno, go’ de testa,

er due è de Dzeko lesto sottoporta

du’ go de Under a aumentà la festa.

***

Poi ancora co un rigore pe ‘na vorta

segnato a chiude er conto e nun ce resta

che seguità ‘sta via senza ‘na storta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er lebbroso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er lebbroso”

***

Venne a Gesù un lebbroso inginocchioni

a suppricallo de guarì er tormento,

Gesù disse: “Lo vojo” e in quer momento

quer tale fu guarito senza unzioni.

***

Ma poi aggiunze: “T’ho torto er lamento,

ma nun dì gnente de ‘ste guariggioni,

ma va’ dar sacerdote a fà l’azzioni

prescritte da Mosè a intennimento”.

***

Ma quello appena che s’è allontanato,

cominciò a tutti a ariccontà la cosa,

de com’era guarito e risanato.

***

Ché pe evità d’èsse braccato certo

da li malati e genti a frotte e a iosa,

Gesù se ritirò in mezzo ar deserto.

***

Stefano Agostino

___________________________

***