Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di febbraio 26, 2018

I sonetti romani,Romanamente

26 febbraio 2018

Burian a Roma

Burian a Roma

***

Anvedi come picchia ‘sta buriana,

cor freddo che te penetra le ossa

la pelle in superficie pure è scossa

da tremarella a ballo arquanto strana.

***

Co la temperatura che s’affossa

a rènne tutta Roma sibberiana,

e soffia e tira e fischia e nun se appiana

anzi simmai se gonfia e s’aringrossa.

***

A lastricà de ghiaccio poi l’asfarto,

ner congelà perzino ‘gni penziero,

cor sibbilo der vento in soprassarto.

***

Sembrava un film, invece è tutto vero,

Roma è un ghiacciolo aperto, senza incarto,

ma io la amo pure sotto-zero.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La dama bianca

La dama bianca

***

L’aspetto a la finestra ancora adesso,

come quann’ero un pupo o un regazzino,

l’occhioni in su de fòri ar barconcino,

guardanno er cèlo e lo sguardo è lo stesso.

***

Speranno de vedé, come un bambino,

un fiocco che viè giù e un artro appresso

e un artro ancora e un artro ancor più spesso

e a un tratto ovunque fiocca fitto e fino.

****

Me dà ’na gioja che nun riesco a esprime

l’ammiro e l’ariguardo e mai me stanca

je scriverebbe centomila rime.

***

Si se potesse conzervalla in banca,

immacolata come su arte cime,

co un conto da intestà a la dama bianca…

***

Stefano Agostino

_____________________

***