Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Marzo, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

31 Marzo 2018

Bologna – Roma

Bologna – Roma: 1-1

***

Un punto che pe come s’era messa,

nun se pò dì che poi sia tanto male,

è sempre un punto fòri e tanto vale,

quanno stai sotto e tutto un po’ te stressa.

***

De certo in de ‘sta gara pre-pasquale,

 manca la voja de giocà, la stessa,

co cui s’è vinto a Napoli, arifressa,

o che ne so, quer quarto de finale.

***

Er pari dopo er go’ preso a l’inizzio,

venuto a un quarto d’ora da la fine,

cià sempre quarche cosa de propizzio.

***

Ché c’è d’annà a giocà ortre-confine,

pe tojese soddisfazzione e sfizzio

sarebbero più dorci assai ‘ste spine.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

30 Marzo 2018

T

T

***

T’hanno inchiodato sopra a quela Croce,

sospeso lì a metà, tra tera e Cèlo,

nun j’è sfiorato manco pelo pelo,

de tojete un supplizzio così atroce.

 ***

S’è fatto bujo notte e poi quer velo

der Tempio s’è squarciato e er monno a coce,

“Tutto è compiuto”, a chiude la Tua voce,

ma no l’urtima riga der Vangelo.

 ***

“Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?”

L’ennecasillabbo che più sconvorge,

pe fatte omo più de ’gni artro stato.

 ***

Appeso a quela Croce a capovorge

’gni umana concezzione der Creato,

tre giorni soli, prima de risorge.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Marzo 2018

Arzasse dar letto

arzasse dar letto

Arzasse dar letto

*** 

Ce sò le vorte che arzasse dar letto

è autolesionismo volontario,

è un gesto assurdo, anti-umanitario,

innaturale, becero, reietto.

 ***

È un atto da respigne, ch’è contrario

a un qualunque senzo de rispetto,

è un modo vile, inzurso, er più scoretto

de comincià ‘gni giorno in calennario.

 ***

Ché pur de arimanè sotto a le pezze

sarebbe pronto già a staccà un assegno,

 a cede proprietà, sordi e ricchezze.

***

Ma nun so’ re e nun ciò certo un regno,

né mai potrò raggiunge tali artezze,

perciò me tocca arzamme e pagà pegno.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

La Lavanna de li piedi

La Lavanna de li piedi

***

Finito de cenà, a l’urtima cena,

Gesù verzò de l’acqua ner catino,

l’asciugatoio cinto sur bacino,

poi se piegò, chinanno assai la schiena …

***

… e a li discepoli, com’era chino,

lavò li piedi e ripeté ‘sta scena,

a uno a uno fin’a che co pena

fu er turno poi de Pietro che vicino …

***

… Je disse: “Mai me laverai li piedi!”,

– “Si nun li laverò” – Gesù rispose,

“ner Regno Mio nun entrerai, nun credi!

***

Io v’ho inzegnato a fà tutte ‘ste cose,

perché le arifarete a l’artri eredi,

come ch’ho fatto Io, in pari dose”.

***

Stefano Agostino

____________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

26 Marzo 2018

A Fabrizio Frizzi

A Fabrizio Frizzi

***

Stavorta salutamo un perzonaggio,

co ‘na tristezza forte indentr’ar còre,

se n’è ito Lassù un gran signore,

a cui nun resta che augurà bon viaggio.

***

De lui ce rimarà com’er sapore,

de uno de famija e d’omo saggio,

che co umirtà e un soriso da miraggio

oggi fa piagne anch’er televisore.

***

‘Na lacrima che scenne e taja e ustiona

er viso mentre l’occhi guasi strizzi,

ner vòto che ce lassa e che arintrona.

***

Rimasto come ar tempo de l’inizzi

se ne va via ‘na gran bella perzona,

… GRAZZIE speciale a te, Fabrizio Frizzi.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Ar ritorno de l’ora legale

Ar ritorno de l’ora legale

***

Quanno che torna l’ora ch’è legale,

prima impressione che fa da contorno,

è quanto riesce a stiracchiasse er giorno

pe un’ora sola avanti, è micidiale.

***

La notte pare nun se veda attorno,

e prima che la luce naturale,

dia er posto a un lampione o a un fanale

c’è tempo che de pomeriggio è adorno.

***

Ar punto che nun sai quanno ch’è sera,

cor cèlo che ‘ncrepuscola sur tardi,

a pennellà a colori Primavera.

***

Le stelle che allontaneno li sguardi

de chi le vò cercà ma in fonno spera

ch’er Sole a ‘gni tramonto ce s’attardi.

 ***

Stefano Agostino

_____________________________

***

I sonetti romani

23 Marzo 2018

Trilussa – L’indennità

L’indennità

***

Adesso, ar Parlamento Nazzionale,

ogni rappresentante der Paese

sai quanto pija? Mille lire ar mese:

dodici mila a l’anno … Nun c’è male!

***

Chi je li dà? Nojantri: è naturale.

Ne la paga, però, ce sò comprese

l’oppignoni politiche e le spese

pe sostené la fede e l’ideale.

***

Quelli che ne potrebbero fà senza,

perché sò ricchi e ciànno robba ar sole,

li spenneranno pe beneficenza.

***

Er mio, defatti, pare che li dia

ar Pro-Istituto de le donne sole

ch’hanno bisogno d’una compagnia…

***

Trilussa

_________________________

***