Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for marzo 3rd, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

3 marzo 2018

Napoli – Roma

Napoli – Roma: 2-4

***

La Roma quanno meno te l’aspetti

te dà soddisfazzioni clamorose,

come stasera, ma che belle cose,

‘sto quattro a due e tre punti benedetti.

***

Subbito sotto, Under/Rui e sò rose,

er pari prima de tre go’ perfetti

de Dzeko due eppoi Perotti e effetti

de odore de ginestre e de mimose.

***

La Roma vince a Napoli, ripeto,

dopo l’urtime gare pare un sogno,

invece è tutto vero, e quant’è lieto.

***

Ma adesso seguitamo ‘sto cammino,

ché ce n’avemo tutti un gran bisogno,

de vive tante sere ‘sto destino.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er giorno prima de l’elezzioni

Er giorno prima de l’elezzioni

***

È er giorno der silenzio elettorale,

‘ndò nun ce sò tribbune, né comizzi,

s’attenne tutti zitti finché inizzi

la sfida a l’urna ch’è domenicale.

***

E senza più artri lazzi e artri frizzi,

 ‘gni elettore penza a chi e a quale

lista dà er voto, senza fasse male,

da 18 anni fino a in de l’ospizzi.

***

Che bello ‘sto silenzio, senza strilli,

senza inzurtasse l’un l’artro a vicenna

senza l’applausi facili e li squilli.

***

Poi da domani ‘gnuno se scotenna,

s’aricomincia a urlà, perciò, tranquilli,

rimpiagneremo oggi, co ‘sta strenna.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***