Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for marzo 23rd, 2018

I sonetti romani

23 marzo 2018

Trilussa – L’indennità

L’indennità

***

Adesso, ar Parlamento Nazzionale,

ogni rappresentante der Paese

sai quanto pija? Mille lire ar mese:

dodici mila a l’anno … Nun c’è male!

***

Chi je li dà? Nojantri: è naturale.

Ne la paga, però, ce sò comprese

l’oppignoni politiche e le spese

pe sostené la fede e l’ideale.

***

Quelli che ne potrebbero fà senza,

perché sò ricchi e ciànno robba ar sole,

li spenneranno pe beneficenza.

***

Er mio, defatti, pare che li dia

ar Pro-Istituto de le donne sole

ch’hanno bisogno d’una compagnia…

***

Trilussa

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er pettegolo

Er pettegolo

***

Stai sempre a mormorà de questo e quello,

nun ce n’è uno ar monno che va bene.

E t’amareggi er sangue ne le vene,

in de l’afflusso tra er còre e er cervello.

***

Stai sempre pronto, co le gote piene,

a vomità parole in ritornello,

in grado de tajà come un cortello,

contro chiunque, e pure si cià pene.

***

Ce n’hai pe tutti, eppoi de tutti quanti

conosci a menadito ‘gni difetto,

le storie più anniscoste e più scottanti.

***

 Però quanno quarcuno più diretto, 

te fa notà li impicci tua … (e sò tanti)

risponni: “No, io no, io so’ perfetto”.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***