Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di marzo 21, 2018

I sonetti romani,Romanamente

21 marzo 2018

Sarebbe Primavera

Sarebbe Primavera

***

Giusto così, sarebbe Primavera,

armeno l’astrologgica sortanto,

ché a guardà in su, si tanto me da tanto,

c’è fissa ormai ‘na nuvolaccia nera.

***

Ce sta pure er termometro ch’è affranto

sta tanto giù porello, e manco spera

de aritirasse su, ch’è ‘na chimera

co ‘na giannetta a urlaje in controcanto.

***

De notte, poi, ce dicono l’esperti,

potrebbe èsse che arifà du’ fiocchi,

nun sò sicuri, ovvio, né sò certi.

***

Noi ner frattempo aprimo bene l’occhi

senza bisogno de tenelli aperti,

la neve pòi vedé quanno t’abbiocchi.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***