Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 8th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2020/21

8 Novembre 2020

Genoa – Roma

Genoa – Roma: 1-3

***

Mkhitaryan mortipricato tre,

come li punti che portamo indietro,

bottino trasparente com’er vetro,

vittoria senza storia. Punto. Olé!

***

Tripletta ch’è de Miki e l’artri addietro,

compagni che je fanno: segna, tiè!

Tre assist che de mejo nun ce n’è,

l’armeno chiude su l’urtimo metro.

***

Tre go’ a dì che Dzeko nun è er solo,

ma che ‘sto gioco premia tutti quanti,

ché senza tutti certo nun c’è volo.

***

Così che c’è arternanza anche davanti,

si c’è ‘na squadra conta sì l’assolo,

ma vale più er coro de cantanti.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

Dar Vangelo der giorno: “le dieci vergini”

***

C’ereno dieci vergini lì pronte

pe annà de fretta incontro ar loro sposo,

ch’era in ritardo e in modo sospettoso

nun se vedeva manco a l’orizzonte.

***

Le dieci s’addormirono e er riposo

durò fin quanno un grido come ar fronte,

a mezzanotte le svejò e la fonte

era lo sposo ner venì festoso.

***

Sortanto cinque vergini a quer punto,

co l’olio ne le lampade, da sagge,

potereno incontrallo sopraggiunto.

***

Le artre cinque, ar buio pesto e losco,

tardarono pe l’olio e come gagge,

lo sposo le gelò: “Nun ve conosco”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***