Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre 5th, 2020

I sonetti romani,La Roma in rima,Stagione 2020/21

5 Novembre 2020

Roma – Cluj E.L.

Roma – Cluj: 5-0

***

La Roma ha vinto … anzi ha stravinto,

un cinque a zero che già dice tutto,

partita senza storia e pe costrutto

‘na sola squadra in campo, tutto avvinto …

***

… ancora certo a celebbrà quer lutto,

de Giggi, ito via che pare finto,

ma è vero ar punto ch’ a ‘gni piè sospinto,

la mente torna a lacrimà de brutto.

ééé

Ma sì, è propio pe Giggi ‘sta vittoria,

je se doveva rigalà un soriso,

ner giorno in cui de lui se fa memoria.

******

Me pare de vedello a l’improviso,

festeggerà ‘sta gara senza storia,

l’urtima occhiata … poi c’è er Paradiso.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Bon viaggio Giggi

Bon viaggio Giggi

***

A Gi’, sai che succede stammatina?

Che tutta quanta Roma t’accompagna,

fin ‘ndó se pò, ner viaggio da cuccagna,

che stai pe fà Lassù, da ‘sta cantina.

***

Pe corpa de ‘sta gran zozza magagna,

de malatia, fìa de ‘na ballerina,

la gente nun pò statte lì vicina,

pe via der Corzo e pe piazza de Spagna.

***

Ma stanne certo, Giggi, che cor còre

staremo tutti assieme a te, lo “Zio”,

er mejo artista e er più granne attore.

***

Bon viaggio Gì’, te do ‘st’abbraccio mio,

tu sèguita a fà da mattatore,

de ride cià bisogno pure Dio.

***

Stefano Agostino

__________________________

***