Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Dicembre 2020

24 dicembre 2020

24 dicembre 2020

***

E anche quest’anno, ch’è er 2020,

un attimo de un battito de cija,

e semo già ar giorno de Viggija,

pe vive ‘sto Natale più de stenti …

***

… senza cenoni e feste de famija,

senza l’amichi e senza li parenti,

sinnò ridotti, gnente assembramenti,

gnente caciara e gnente parapija.

***

Ma ‘sto silenzio faccia d’occasione,

pe arifrette in senzo generale,

ciascuno in de le propia abbitazzione …

***

… sur vero senzo d’oggi, ch’è speciale,

un Dio che se fa “noi”, vera raggione,

pe disse: “Auguri … grazzie … e bon Natale”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020-21

Roma – Cagliari

Roma – Cagliari: 3-2

***

La Roma vince e prenne punti boni,

pe mantené pulito er terzo posto,

anche si oggi è stato arquanto tosto,

sciupanno poi un sacco d’occasioni …

***

… sembrava che finisse già piuttosto

co un pareggio pieno de magoni,

co go’ magnati in modi e posizzioni,

da fà penzà a un pronto go’ opposto.

***

De Veretout er primo, poi er pareggio,

de Dzeko er due e de Mancini er terzo,

poi er rigore loro a fà sfreggio.

***

Ma giusto propio ar tempo der finale,

la Roma ha vinto … e guasi me so’ perzo,

auguri bone Feste e bon Natale.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

23 Dicembre 2020

Che Natale sarà

Che Natale sarà

***

Sarà diverzo, certo, ‘sto Natale,

che immagginallo quanto qui nun posso,

l’Italia colorata tutta in rosso,

gnente cenone, quarche commenzale.

***

Gnente atmosfera o ridotta a l’osso,

anche l’addobbi stanno messi male,

un presepietto, un arbero e er puntale,

senza er calore de la gente addosso.

***

In tasca l’autocertificazione,

de un D.L. o un D.P.C.M.

pe fàllo inzieme a giusto du’ perzone.

***

Pochi regali certo e senza gemme,

ma senza più lo sfarzo a profusione,

sarà più Notte Santa de Betlemme.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

22 Dicembre 2020

La mutazzione der Covid

La mutazzione der Covid

***

E ce mancava solo la variante,

pe dilla mejo poi è ‘na mutazzione,

der virus, dico, ch’è un’evoluzzione,

più contaggiosa ancora e più allarmante.

***

Ché pare ch’ha aspettato l’occasione,

l’annuncio der vaccino incarzante,

pe mette tutto in dubbio in un istante,

su l’efficacia e su la produzione.

***

L’esperti già difenneno er vaccino,

ma intanto qui se parla de contaggio,

cor novo ceppo Covid ballerino.

***

Chissà si mai, da adesso fin’ a maggio,

se lo levamo, ‘sto stronzo inquilino,

e dije stronzo è solo che un assaggio.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

21 Dicembre 2020

La congiunzione de Giove e Saturno

La congiunzione de Giove e Saturno

***

Er giorno der comincio de l’inverno,

o der sorstizzio pe la precisione,

porta quest’anno a la congiunzione

Giove-Saturno che ner celo eterno…

***

… è un fatto che presenta ‘st’occasione,

‘gni ottocento anni de governo,

a dà chiarore, come de lucerno,

ner buio de la notte, co ‘st’unione.

***

Se penza che ‘st’evento fu la stella,

seguita da li Magi, ner cammino,

a forma de cometa brillarella …

***

pe indicà la via in modo speciale

a chi era in cerca de quer Re Bambino,

in quela notte Santa de Natale.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima,Stagione 2020-21

20 Dicembre 2020

Atalanta – Roma

Atalanta – Roma: 4-1

***

La Roma regge un tempo e un quarto d’ora

poi tutt’a un tratto se spegne la giostra,

e prenne 4 go’, mettenno in mostra

che c’è quarcosa da trovà ancora.

***

E ch’è de testa … chiaro … che te rostra

su cui ce sta da lavorà allora,

ché nun pò èsse che qui lo s’ignora,

e ch’è p’er bene de ‘sta Roma nostra.

***

Ce sta da cresce certo, ma de testa,

senza guardà er blasone avverzario

sinnò finisci sempre che te resta …

***

… la senzazzione de calà er sipario

ch’hai recitato da comparza onesta,

e no da prim’attore o comprimario. 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

Dar Vangelo der giorno: “l’Annuncio de l’Angelo”

***

L’Arcangelo, inviato dar Signore,

annò diretto a casa de Maria,

quanno fu là je disse: “Santa e Pia,

nun impauritte, anzi, apri er còre.

***

Piena de Grazzia, Dio vòle Tu sia,

la Madre de Su’ Fìo, er Sarvatore,

che nascerà pe l’omo peccatore,

che chiamerai Gesù, e sarà er Messia”.

***

Maria je fece allor: “Come pò èsse?

Io nun conosco omo” e Gabbriele

rispose: “Dio vò adempie le promesse”.

***

E Lei je replicò: “Serva fedele,

der Mio Signore e Lui de Me facesse

la Madre Santa de l’Emmanuele.

***

Stefano Agostino

______________________________

***