Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 14th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

14 Febbraio 2021

Roma – Udinese

Roma – Udinese: 3-0

***

Tre a zero pe tre punti de vittoria,

du’ go’ de Veretout … ‘na granne gara

er terzo poi de Pedro … che nun sgara,

e ride pure poi la graduatoria.

***

‘Na gara de riscatto da l’amara

sconfitta co la juve ch’è ormai storia,

da tené sempre fissa in memoria,

pe reaggì co forza e tigna cara.

***

Ché c’era da sfruttà pe prenne punti,

quele sconfitte maturate ieri,

e rimané ar posto in cui s’è giunti.

***

E onore pure poi a li portieri,

fin qua sò stati sempre brutti appunti,

Pau Lopez oggi paratoni veri !!!

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er lebbroso”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù e er lebbroso”

***

Vide Gesù un lebbroso inginocchioni,

a suppricallo de levà er tormento,

Gesù disse: “Lo vojo” e in quer momento,

l’omo così guarì senza l’unzioni.

***

Gesù aggiunze: “T’ho torto er lamento,

ma nun dì gnente de ‘ste guariggioni,

e va’ da un sacerdote a fà l’azzioni

prescritte da Mosè a intennimento”.

***

Ma quello appena che s’è allontanato,

a tutti riccontò de quela cosa,

de com’era guarito e risanato.

***

Ché p’evità d’èsse braccato certo,

da li malati ch’ereno a iosa,

Gesù se ritirò in mezz’ar deserto.

***

Stefano Agostino

___________________________

***