Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 28th, 2021

La Roma in rima,Stagione 2020/21

28 Febbraio 2021

Roma – Milan

Roma – Milan: 1-2

***

Continua la condanna de quest’anno:

de perde sempre li scontri diretti,

tre punti se ne vanno … benedetti,

e pe un posto Champions è un ber danno.

***

Nun se ponno più rigalà confetti

a quelle sopra e perde de rimanno,

gnente de compromesso ma se fanno

troppe partite co li stessi effetti.

***

C’è da riprenne subbito vigore,

pe nun fermasse più manco ‘na vorta

da qui a la fine senza più timore.

***

Tempo c’è ancora pe daje ‘na svorta

a ‘sta staggione … ch’è senza colore,

 er quarto posto è lì … quella è la torta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione

Dar Vangelo der giorno: “la Trasfigurazzione”

***

Gesù, co Pietro, Giacomo e Giovanni,

salì sur monte Tabor, quann’a un tratto,

er vórto Suo, come da luce ratto,

s’accese a sprenne co abbiti e panni.

***

E a quer punto, in quer momento esatto,

Mosè e Elia apparzero sì granni,

pe chiacchierà co Lui, seconni o anni,

’na nube l’attorniò e detto, fatto …

 ***

… da lei sortì ’na voce … era de Dio,

che disse: “In Lui, Me so’ compiaciuto,

dateje ascorto, ché questi è er Mi’ Fìo”.

***

Tutto scomparve eppoi, in quer minuto,

Gesù fece: “Finché ce sto qui Io,

nun riccontate de quant’è accaduto”.

***

Stefano Agostino

______________________________

***