Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 18th, 2021

La Roma in rima,Massime,Stagione 2020/21

18 Febbraio 2021

Braga – Roma E.L.

Braga – Roma: 0-2

***

A Braga, tera antica in Portogallo,

la Roma porta a casa ‘na vittoria,

pe due a zero e pe parlà de storia,

l’occhio ar ritorno che tocca affrontallo.

***

‘Na gara ch’è da mette già in memoria,

er turno ce sta ancora da passallo,

co ‘sto bottino certo se sta in ballo,

ma nun se pò campà de vanagloria.

***

Er primo go’ de Dzeko a l’inizzio,

poi granne spinta e tanti tiri in porta,

ma pe levasse giusto l’artro sfizzio …

***

… de un seconno go’ ce vò ‘na scorta

de tanto gioco nun senza supplizzio,

co Borja Mayoral e squadra corta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

Er teledipennente

Er teledipennente

***

Seduto apportronato sur divano,

come li Re che sudditi nun ciànno,

ma cor potere in quer telecomanno,

che ’mpugni forte e stretto ne le mano.

***

Schiacci li tasti e sbraiti de rimanno,

si te se ’nceppa er dito p’annà piano,

ché vòi vedé ’gni cosa e, da surtano,

tra li canali zompi sartellanno.

***

Questo nun fa pe te, nun t’appassiona,

l’artro nun pare male, ma t’annoia,

cambi programma e l’occhio t’abbandona.

***

Così t’addormi co ’sta paranoia,

senza avé visto gnente e in portrona,

sogni tutta la serie: “Mai ’na gioia”.

***

Stefano Agostino

___________________________

***