Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno, 2021

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

16 Giugno 2021

Piazza Navona

Piazza Navona

***

La più famosa pe le bancarelle,

l’artista, er mimo, er mago, er sartimbanco,

chi tenta la fortuna a quarche banco,

e chi se pò magnà quele ciambelle.

***

Su ’na panchina c’è un turista stanco,

ma l’occhi accesi come du’ fiammelle,

Fontana de li Fiumi, ch’è ribbelle,

a Sant’Agnese che je sta de fianco.

***

Tra zuccheri velati e marionette,

li strilli de pupetti a la sottana,

ce sò presepi, grotte e statuette.

***

Piazza Navona se fa più romana,

quanno s’ariempie de scope e carzette,

la notte che s’aspetta la Befana!

***

Stefano Agostino

______________________

***

A tavola,I sonetti romani,Nuova edizione

15 Giugno 2021

La grattachecca

La grattachecca

***

Le sere de callaccia che te secca,

nun tira un soffio d’aria manco a spinta,

c’è ’na sarvezza che nun è ’na finta:

è la mejo gelata grattachecca.

***

Cerca un chioschetto, fino a che l’hai vinta,

come in Arabia se cerca la Mecca,

e magna tutto, bevi, succhia e lecca,

prima, seconna, terza, quarta e quinta.

***

Pòi colorà quer ghiaccio co ’gni gusto,

dar cocco a l’amarena o cor melone,

seconno ch’er palato è quello giusto.

***

Orzata, menta, ananas, limone,

smorza la sete e riarza er busto,

la grattachecca nun cià paragone.

***

Stefano Agostino

____________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

13 Giugno 2021

Er raccordo anulare

Er raccordo anulare

***

De l’inventore s’è spento er ricordo,

sostituito da la locuzzione,

co cui se dice circonvallazzione,

pe tutti li romani, è er “raccordo”.

***

Invece GRA più che un’abbreviazzione,

è er nome che de certo è un po’ balordo,

de chi a Roma j’ha segnato er bordo,

ch’è anulare pe la precisione.

***

L’intento era perciò miracoloso,

pe sbrojà Roma sempre imbottijata,

tra machine e caos senza riposo.

***

Ma chiusa pe lavori in careggiata,

da la “Via Aurelia” a “Casal Lumbroso”,

de GRA ce sta ’sto STRO che l’ha ’mboccata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

Dar Vangelo der giorno: “er granellino de senapa”

***

Così Gesù je disse a la folla:

“Er Regno è come l’omo quanno getta

er seme ne la tera che s’affretta

a germojà, pure che l’omo molla.

***

Quer seme fa lo stelo e la spighetta,

er chicco pieno, che pare un’ampolla,

la farce miete er frutto che se bolla,

pronto pe la raccorta più perfetta.

***

Er Regno è ancora com’er granellino

de senapa che, seminato in tera,

in tutt’er monno è er seme più piccino.

***

Ma quanno cresce viè da quer che era

er più potente arbero in giardino,

ch’a ‘gni ucelletto je fa ombra vera”. 

 ***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

12 Giugno 2021

Alessandro va in penzione

Alessandro va in penzione

***

Nun ce credemo ancora … vai in penzione?

Colonna tu de la “ditta Berardi”,

ch’attacca presto e stacca a sera tardi,

‘ndó credi mai d’annà … nun fà er cojone!

***

Ma scherzi a parte, mó che t’ariguardi

e ch’esci p’annà a pesca e pe passione,

nun te scordà de l’Anticoruzzione,

e de ‘st’amichi, tra li più gajardi.

***

Noi nun dimenticamo la saggezza,

che in tutti ‘st’anni ciài arigalata,

la “gongola” e ‘gni artra tua dorcezza.

***

Le gran risate e la panda scassata,

‘na vita assieme in spenzieratezza,

che se riassume co ‘na “sbocchettata!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

10 Giugno 2021

Alfredino

Alfredino

***

Tra li ricordi che ciò de bambino,

la granne maggioranza tutti belli,

ma nun ce sò purtroppo solo quelli

tra queli brutti ce sta Alfredino.

***

Chi se li pò scordà tutti fratelli

l’ommini de quer pozzo a Vermicino,

che fin’a l’urtimissimo lumino

hanno tentato de sarvà … porelli …

***

… quer pupo angioletto lì caduto,

de giorno e de notte, sole e lampi,

senza mai risparmià manco un minuto.

***

E chi se pò scordà … Dio ce ne scampi,

quela notizzia dar sapore muto,

der volo in celo d’Alfredino Rampi.

***

Stefano Agostino

________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

Fontana de Trevi

Fontana de Trevi

***

Deposito de spicci e monetine,

lanciate da turisti de passaggio,

speranze de tornà, in artro viaggio,

a respirà le arie ponentine.

***

E a guardalla viè com’er miraggio,

de Dorce Vita e belle ballerine,

de scene d’avventure truffardine,

in cui Totò spacciava quer lignaggio.

***

È in pieno centro, ma se sente er mare,

Oceano, cavalli e li tritoni,

co l’acqua azzura ’ntorno a fà d’artare.

***

E notte e giorno, su pe li gradoni,

abbraccicato stanzia regolare,

l’inciucio tra stragnere e vitelloni.

***

Stefano Agostino

______________________

***