Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di aprile 18, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

18 aprile 2018

Roma – Genoa

Roma – Genoa: 2-1

***

Co tanta sofferenza e cor fiatone,

la Roma vince e intasca ‘sti tre punti,

nun ce stanno da fà grossi riassunti,

va bene er risurtato, eppoi “ciaone”.

***

Però sò gare da cui prenne spunti,

pe benedì er bottino e la raggione,

ma nun se pò concede l’occasione

a l’avverzari de segnà, qui giunti.

***

Du’ go’ uno de Under l’artra autorete,

poi er due a uno loro e la paura

de fasse arimontà pe l’artrui mete.

***

Ma se sapeva qual è la misura

pe arivà nun sò cose segrete,

c’è da lottà e ‘gni gara è la più dura. 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Perfetto ner difetto

Perfetto ner difetto

***

Io nun ce tengo no a èsse perfetto,

eppoi ma che vor dì la perfezzione?

Co quale metro? Quale paragone,

se giudica si un omo è storto o retto?

***

A parte che sa già de presunzione

aritenesse senza un neo, coretto,

ma a vorte è propio giusto in quer difetto

che un omo lo s’apprezza e co raggione.

***

La perfezzione mica è de ‘sto monno,

s’ha da cercà, d’accordo, ma è un traguardo

che t’avvicini e lui se sposta in fonno.

***

Eppoi si so’ imperfetto e m’ariguardo

ner dentro der me stesso più profonno,

a mijorà, posso provà un azzardo.

***

Stefano Agostino

__________________________

***