Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for aprile 21st, 2018

La Roma in rima,Stagione 2017-18

21 aprile 2018

Spal – Roma

Spal – Roma: 0-3

***

Era importante proseguì er cammino,

portanno a Roma quer bottino pieno,

c’è da staccà er bijetto pe quer treno

che porta in Champions, senza fà casino …

***

… ché co la Spal hanno tirato er freno,

la lazzio, l’inter, e pur la juve inzino,

perciò avé vinto merita l’inchino,

co ‘sto tre a zero ch’è un arcobbaleno.

***

Er primo go’, un’autorete ancora,

poi segna Nainggolan e chiude er conto

er primo go’ de Schick sortito fòra.

***

Che sia solo l’inizzio, ossia un acconto,

de quello che verà in futuro e ora,

pe seguità più mejo assai er racconto.

***

Stefano Agostino

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

21 aprile 753 a.C.

21 aprile 753 a.C.

***

Romolo e Remo, quer ventuno aprile,

se vollero sfidà pe fonnà Roma,

vinze chi vide, arzanno testa e chioma,

più ucelli in volo, soli o messi in file.

 ***

Fu Romolo, se sa, ormai è un assioma,

co Remo che je fu arquanto ostile,

ma er primo, co l’aratro e senza bile,

tracciò quer sórco co bestie da soma.

 ***

Quann’ebbe disegnato un ber quadrato,

Romolo parcheggiò l’aratro e er bue,

Remo j’entrò co un sàrto in quer tracciato.

 ***

Romolo, fino a allora su le sue,

je disse: “A Re’, ma va’ a morì ammazzato,

qui a Roma nun se pò comannà in due”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

PER IL VIDEO-SONETTO VAI QUI: 21 aprile 753 a.C.

***

******