Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Febbraio 23rd, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

23 Febbraio 2020

Roma – Lecce

Roma – Lecce: 4-0

***

Co un quattro a zero a liquidà er probbrema,

s’archivia ‘sta partita, finarmente,

tre punti, tutti assieme, veramente,

rischiava d’èsse cosa fòri tema.

***

E invece prima Under dice presente,

poi Mkhytaryan, su gran bello schema,

er tre de Dzeko, eppoi la rete trema,

co Kolarov pe un quattro convincente.

***

Mó tocca seguità su ‘sto cammino,

pe ripià tereno a chi sta avanti,

senza fermasse più e cambià er destino …

***

… de ‘st’anno da l’inizzi preoccupanti,

che tempo c’è pe riacchiappà er vicino,

e er quarto posto che sta lì davanti.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “ama er prossimo tuo”

Ama er prossimo tuo

***

“Occhio pe occhio, sì, dente pe dente,

così fu detto e voi séte istruiti,

ma io ve dico, no, voi siate miti,

porgete l’artra guancia a l’offennente.

***

Ortr’a la tunica, date vestiti,

chi v’obbliga a fà un mijo voi, co gnente,

fatene due tranquilli e a l’inzistente,

dateje sòrdi, tanto sò investiti.

***

Amate tutti quanti, anche er nemico,

sò bravi tutti a avé bone parole

pe chi je sta vicino a fà l’amico.

***

Invece tocca amà, come Dio vole,

anche chi ce sta ‘ndove nun ve dico,

si Dio su tutti fa arisprenne er sole”.

***

Stefano Agostino

___________________________________

***