Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

31 Gennaio 2020

Ariverà quer giorno

Ariverà quer giorno

***

Ariverà quer giorno, me lo sento,

che in quarche cosa troverai un ricordo,

un che de noi qualunque, ora sordo,

ché nun riesci a sentì o solo a stento.

***

E in quel’istante, senza tempo e bordo,

farai un soriso a aripenzà ar momento

de quer ricordo che, come fa er vento,

te passa accanto e soffia un dorce accordo.

***

‘Na spina conficcata a l’improvviso,

quanno aripenzerai a ch’è successo,

te spegnerà quer timido soriso.

***

  Me cercherai, nun dico certo adesso,

ma sappi già da ora ch’ho deciso

che nun me troverai mai più lo stesso.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

30 Gennaio 2020

Er “coronavirus”

Er “coronavirus”

***

Mó è psicosi p’er morbo de Cina,

“coronavirus”, nome artisonante,

che fa penzà a ‘na casa regnante,

preoccupanno pe l’onda assassina.

***

De certo nun è mai rassicurante,

er dato che nun c’è ‘na medicina,

che faccia effetto come un’aspirina,

contro ‘sta malatia der levante.

***

C’è da affrontà er probbrema, e pure presto,

e stà in campana su la diffusione,

cercanno de isolà casi da attesto.

***

Ma che poi nun diventi un’ossessione,

o peggio ancora un artro ber pretesto,

‘sto virus pe un razzismo d’occasione.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Gennaio 2020

Più che giorni de la merla …

Più che giorni de la merla …

***

Li giorni de la merla, sì, ‘na vorta,

quanno ch’er clima nun era malato,

da li sconvorgimenti der creato,

pe l’omo che a ‘sta Tera l’ha stravorta.

***

Così che quer che davi pe assodato,

er gelo de ‘sti giorni a fà da scorta,

nun vale più e cià memoria corta,

chi dice che così è sempre stato.

***

Invece de finì co freddo e neve,

gennaio sa già un po’ de Primavera,

ché a cambiàje er nome er passo è breve.

***

Da merla, fa’ che “L” se disperda,

e l’aria dorce a “D” je dà la cera,

sti giorni li fa diventà de m….

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

28 Gennaio 2020

28 gennaio: San Tommaso d’Aquino

28 gennaio: San Tommaso d’Aquino

***

Vojo rimà San Tommaso d’Aquino,

perché fu omo che cercò la Luce,

nun solo in quer che sprenne e che ariluce,

ma dentro ‘gni sentiero der destino.

***

Ne la ricerca poco assai je scuce,

si è classico l’autore a fà stoppino

pe accenne er Foco vero der divino,

che tutto ar monno a Sé già l’ariduce.

***

Unì così antico e tradizzione,

mosso da un còre pieno de Sapienza,

tra la preghiera e la meditazzione.

***

Pe dà armonia a vecchio e novo, senza

mai rinnegà la sua sola Missione,

de portà Cristo e no solo pe scènza.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

27 Gennaio 2020

La giornata de la memoria

La giornata de la memoria

***

Ben venghi la giornata de memoria,

pe nun dimenticà l’infamia estrema

de la “Shoah”, che nun pò èsse un tema

da chiude e conzervà in libbri de storia.

***

Ma aricordà sortanto nun è schema

pe evità che l’omo e la sua boria,

pe quarche sua credenza e vanagloria,

possa, un ber dì, aripresentà er probbrema.

***

Accanto a la memoria de l’eccidi,

quarziasi mano ciabbia l’assassino,

ch’ha perpetrato zozzi genocidi …

***

… ce vò chi da l’età de chi è bambino

inzegni l’odio a quali rischi guidi,

solo pe razza, credo o p’er quatrino.

******

Stefano Agostino

____________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

26 Gennaio 2020

Roma – Lazio

Roma – Lazio: 1-1

***

Voleveno fà dodici vittorie,

pe superacce, er derby fatto apposta,

perciò nun avé vinto assai je costa,

anche se già rifiuteno ‘ste storie.

***

Ché c’era da sentilli e era tosta,

chissà pe quanto tempo  co ‘ste glorie,

che senzo ciànno solo pe memorie

de chi nun cià da offrì artra proposta.

***

Ma detto questo a dì com’è ch’è annata,

rammarico ce sta pe l’occasioni

e ‘na partita tutta dominata.

***

Bisogna mette dentro più palloni,

se crea tanto, ma poi l’imbucata

finisce sempre su li cartelloni.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Ve cambierò l’oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***