Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Gennaio 26th, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

26 Gennaio 2020

Roma – Lazio

Roma – Lazio: 1-1

***

Voleveno fà dodici vittorie,

pe superacce, er derby fatto apposta,

perciò nun avé vinto assai je costa,

anche se già rifiuteno ‘ste storie.

***

Ché c’era da sentilli e era tosta,

chissà pe quanto tempo  co ‘ste glorie,

che senzo ciànno solo pe memorie

de chi nun cià da offrì artra proposta.

***

Ma detto questo a dì com’è ch’è annata,

rammarico ce sta pe l’occasioni

e ‘na partita tutta dominata.

***

Bisogna mette dentro più palloni,

se crea tanto, ma poi l’imbucata

finisce sempre su li cartelloni.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

Dar Vangelo der giorno: “pescatori de ommini”

***

Simone stava in barca cor fratello,

quanno arivò Gesù e je disse: “Pietro,

così te chiamerai, tu viemme dietro,

inzieme a Andrea, mollate quer fardello”.

 ***

Poi avanzanno giusto quarche metro,

fece: “Er mestiere vostro è arquanto bello,

da oggi in poi, però, nun è un tranello,

nun sarà più lo stesso, come addietro”.

 ***

Ve cambierò l’oggetto de la pesca,

che nun sarà più er pesce, come adesso,

ma è l’omo pe cui Io ciò un’artra esca”.

 ***

Andrea co Pietro, in quer momento stesso,

mollarono le reti e ’gni artra fresca

e senza induggio je sò iti appresso.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***