Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 14 Gennaio, 2020

I sonetti romani,Romanamente

14 Gennaio 2020

Un incubbo

Un incubbo

***

Ciò un incubbo che a vorte se presenta,

che un giorno a l’improviso, tutt’a un botto,

nun me viè più ‘na rima, vero scotto,

ch’è da pagà si nun ce s’accontenta.

***

Come che un incantesimo s’è rotto,

ne l’incubbo che spesso me spaventa,

nun m’esce manco un verzo e me sgomenta

er fojo bianco che resta là sotto.

***

Ma poi sòna la sveja e lì me desto,

e penzo a ‘na parola e a come rima,

e si ce sta ner senzo e ner contesto.

***

E l’incubbo se scioje pe l’assioma

ché tanto ariverebbe sempre prima,

la rima che me viè … si dico ROMA.

***

Stefano Agostino

__________________________

***