Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 5 Gennaio, 2020

La Roma in rima,Stagione 2019-20

5 Gennaio 2020

Roma – Torino

Roma – Torino: 0-2

***

Stavorta nun se pò restà più zitti

accettà tutto, senza ‘na protesta,

dopo ‘sta gara, già ce batte in testa,

com’è che sempre a noi fanno ‘st’acchitti?

***

È vero che la Roma, e dico questa,

nun ha fatto granché … e quanno affitti,

si in porta nun ce tiri e lassi sfitti

tutti li spazzi pe faje la festa …

***

Ma quanno poi un arbitro se ‘nventa,

minuti de recupero a casaccio,

er go’ de quelli, er VAR che te sgomenta …

***

… e guarda solo contro e vede un braccio

che dà rigore … er tutto se fomenta,

nun pòi nun incazzatte come faccio.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

Dar Vangelo der giorno: “in principio era er Verbo”

***

Dapprima c’era er Verbo, ch’era Lui,

Lui ch’era presso Dio, Lui era Iddio,

tutt’era stato fatto da Lui, Dio,

Luce der monno tra sentieri bui.

 ***

Ma er monno ’ndó ’gni omo penza a l’io,

e a tutti l’affaracci che sò sui,

mica l’ha accòrto, no, raggion pe cui,

s’è fatto carne, da Dio Padre ar Fìo.

***

Eppoi è venuto a vive in mezzo a noi,

pe fàcce contemplà quela Sua Gloria,

a dicce: “So’ venuto qua pe voi …

***

… pe davve la sarvezza, co ’sta Voce”,

ma noi ar Re der Cèlo e de la Storia,

l’avemo appeso a chiodi inzù la Croce.

***

Stefano Agostino

___________________________

******