Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 17 Gennaio, 2020

I sonetti romani,Schegge di vita

17 Gennaio 2020

Sant’Antonio Abate

Sant’Antonio Abate

***

Gennaio diciassette, oggi aricore

er giorno ch’è de Sant’Antonio Abate,

er Santo che da quanno ch’era frate

vivette da eremita tutte l’ore.

***

“Quer che ciavete voi … che lo doniate”

quest’era er suo principio, er suo motore,

ar punto che se chiuse p’er fervore

in de ‘na grotta a vive e a magnà a rate.

***

La tradizzione vole aricordallo

come ch’er protettore d’animali,

da ‘gni maiale a un cane, un gatto e un gallo.

***

Ché ancora oggi bestie e allevatori,

ner dì che in lui der Celo cià natali,

se fanno benedì anime e còri.

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

Parma – Roma C.I.

Parma – Roma: 0-2

***

Stavorta esurtamo e anche parecchio,

pe ‘sta vittoria a Parma in de ‘sta coppa,

e l’esurtanza qua nun è mai troppa,

si se guardamo fissi in de lo specchio.

***

Da troppi anni che sei uscita zoppa,

da ‘sta competizzione e sa de vecchio,

la vorta che nun è poi ita ar secchio,

come l’urtimi anni co ‘na toppa.

***

Invece qui ner gelo der Tardini,

ce sei riuscito a vince e ‘sto passaggio,

vor dì giocà poi co li juventini.

***

Ma intanto se godemo, dice er saggio,

‘sti du’ bei go’ der granne Pellegrini,

a tutt’er resto penzeremo adaggio.

***

Stefano Agostino

***