Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre, 2019

I sonetti romani,Romanamente

31 Dicembre 2019

DumilaEVENTI

DumilaEVENTI

***

Ce semo! Sta a arivà er dumilaeventi,

che poi si è scritto è un venti raddoppiato,

du’ cifre solamente e viè chiamato,

du’ due frammezzo a zeri come lenti.

***

Chissà quale sarà er suo tracciato,

si seguirà l’artr’anni precedenti,

si invece ciavrà tutt’artri momenti,

pe tutto er tempo in cui sarà durato.

***

‘Na cosa sua cià già che questi prima,

nun ciànno avuto: er fatto de quer giorno,

ch’è un giorno un più, bisesto pe la stima.

***

Te auguro, già ar tempo de lo sforno,

a te, lettore mio de “Roma in rima”,

bon anno novo a te e tutt’er contorno.

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

30 Dicembre 2019

‘Gni fine d’anno

‘Gni fine d’anno

***

’Sta fine d’anno, come tutti l’anni,

è tempo de bilanci e conzuntivi,

a vorte boni, a vorte più cattivi,

seconna de le gioie o de l’affanni.

***

Se cerca sempre d’èsse positivi,

armeno ce se metteno li panni,

ché pure guai, impicci, buffi e danni,

se ponno ariccontà solo tra vivi.

 ***

Ché si è più giusto mó fasse l’auguri,

speranno in un futuro più felice,

in giorni più tranquilli e meno duri…

 ***

… de certa ce sta poi ’sta direttrice:

che ’st’anno, pure in mezzo a chiaroscuri,

sto ancora qua …. e ’st’artro chi lo dice ?!?!?

***

Stefano Agostino

___________________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

29 Dicembre 2019

Dar Vangelo der giorno: “la fuga in Eggitto”

Dar Vangelo der giorno: “la fuga in Eggitto”

***

Co Erode re, er padre de l’Antipa,

Giuseppe la Famìa portò in Eggitto,

così che s’adempisse er Testo scritto,

che Dio chiamò su’ Fìo a l’artra ripa.

***

Poi morto Erode e quer suo nero editto,

Giuseppe nun tornò a la controripa

in Israele, ché un fumo de pipa

je disse ch’era da cambià traggitto.

***

E pe evità ‘gni rischio d’artro fiele,

a Nazareth annò, in Galilea,

come je disse in sogno Gabbriele …

***

… l’Angelo che je suggerì l’idea

d’annà a fà cresce là l’Emmanuele,

che fu poi “Nazzareno” pe nomea.

***

Stefano Agostino

______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 Dicembre 2019

Li Santi Innocentini

Li Santi Innocentini

***

Seconno detto antico e tradizzione,

er giorno de li Santi Innocentini

finischeno le feste e li quatrini,

ma nun l’ho mai capita la raggione.

 ***

Ce stanno le lenticche e cotechini,

a fà da Capodanno cor Vejone,

c’è er sei gennaio che, nun è oppignone,

è festa de balocchi e de bambini.

 ***

Ma nun se pò nun èsse poi d’accordo

cor fatto ch’er ventotto ormai in saccoccia

nun è avanzato ’no spiccio de sòrdo.

 ***

Ché co ’sta crisi, artro che bisboccia,

a inizzio mese l’euro è un ber ricordo,

da nun sapé ’ndó sbatte la capoccia.

***

Stefano Agostino

___________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

27 Dicembre 2019

Tra Natale e Capodanno

Tra Natale e Capodanno

***

“Lo famo tra Natale e Capodanno”,

lo sento dì, da tutti, da ’na vita,

tra chi vorebbe organizzà un’uscita,

che invece sa, piuttosto, de rimanno.

 ***

Sò giorni che li conti co le dita,

ma un dubbio me tormenta e me ce addanno,

si nun t’ariesci a véde tutto l’anno,

’sta settimana penzi sia infinita?

 ***

E quanno poi ch’ariva er ventisette,

pe tojete ’st’impiccio e ’sto ber guajo

nun sai manco più tu che scuse mette.

 ***

Nun prenne più ’st’impegni e dacce un tajo

e a chi a ’sti giorni chiede de vedette,

dije de sì, p’er 30 de Febbraio.

***

Stefano Agostino

_________________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

26 Dicembre 2019

Cinquanta

Cinquanta

***

Amico mio co oggi fai cinquanta,

lo so, nun lo vòi dì, … dimolo piano,

sò dieci lustri … e te ce vò ‘na mano,

(anzi no, venti) … e sia ‘na mano santa.

***

50 … e ce lo so che te fa strano,

nun te li senti, ma la vita canta,

tutta passata … e er còre assai se vanta,

da romanista ortre che romano.

***

Er compre-astico, cinque decine,

e tanti affetti attorno a scallà er còre,

dono de Fede che nun cià confine.

***

Auguri, vecchio mio, e ch’er Creatore,

te assista sempre fin’ ar cartello “fine”,

senza fatte mancà sostegno e Amore. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Clip art

25 Dicembre 2019

Natale

***