Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Luglio, 2021

I sonetti romani

17 Luglio 2021

Aldo Fabrizi – Er sogno

Er sogno

***

Me pareva de stà su ‘na montagna,

e urlavo in un megafono spazziale:

“Popolazzione mia, che campi male,

accostete qui sotto ché se magna!”

***

Poi come fussi er Re de la Cuccagna,

buttavo giù, pe un’orgia generale,

valanghe de spaghetti cor guanciale,

che allagaveno tutta la campagna.

***

E vedevo signori e poveretti,

in uno sterminato affollamento,

a pecoroni sopra li spaghetti.

***

Quann’ecchete dar cèlo spuntà Dio,

co un forchettone in mano e fà: “Un momento,

si permettete ce sto pure Io!”

***

Aldo Fabrizi

____________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani

16 Luglio 2021

La “Festa de Noantri”

La “Festa de Noantri”

***

Festa trasteverina ar ber ricordo

de la Madonna detta “fiumarola”,

che prese er nome, appunto, o la parola

da la statua trovata lungo un fiordo…

***

… a la foce der Tevere, da sola,

bella, tutta dipinta fino ar bordo,

che storia e tradizzione sò d’accordo,

Roma sarvò da ‘na tempesta viola.   

***

La festa de Noantri, pe dizzione,

se celebbra a Trastevere ‘gni anno

a metà lujo, come da copione.

***

Co l’abbitanti che pe giorni vanno

co ‘sta Madonna in giro, in processione,

p’er fiume e p’er quartiere … de rimanno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

La Roma in rima

15 Luglio 2021

Er calennario 21-22

Er calennario 21-22

***

È uscito, quinni, er novo calennario:

la prima in casa co la Fiorentina,

poi la Salernitana se ‘ncammina,

e a seguì poi tutto er campionario.

***

Ce sta ‘na novità pe ‘gni schedina,

che ner ritorno nun c’è l’incontrario,

ner senzo de l’annata, a campo vario,

s’ammischia tutto, tetto co cantina.

***

Ce dicheno pe stimolà interesse

ma che a strigne strigne poi te chiedi,

che succedeva a fà le cose stesse?

***

“C’è da incontralle tutte” … e soprassiedi

su l’ovvietà che ce pòi fà scommesse,

de li commenti che già senti e vedi.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Romanamente

14 Luglio 2021

14 luglio 1789

14 luglio 1789

***

“Presa de la Bastiglia” ar calennario,

l’inizzio de la gran Rivoluzzione,

quella franzosa, ma d’ortre-nazzione,

de cui ricore mó l’anniverzario.

***

Lottà pe caccià via l’occupazzione

la tirannia, in modo leggennario,

pe l’equità de legge e de salario,

la pari dignità de le perzone.

***

La libbertà pe tutti e l’eguajanza,

valori umani e dignità sociale,

una nazzione a vive in fratellanza.

***

Più passa er tempo e più viè naturale,

pe chi commanna pe ingrassà la panza,

sperà ne venghi un’artra tal’e quale.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

13 Luglio 2021

Er posteggiatore

Er posteggiatore

***

Cià l’arte sua de materializzasse,

manco si fusse teletrasportato,

quanno ch’hai preso posto e parcheggiato,

te piomba addosso, come toji er gasse.

***

Poi l’ariguardi, appena posteggiato,

te pare un esattore de le tasse,

borzetta ar collo e tasche a fà da casse,

che te domanni chi ce l’ha mannato.

***

“Giusto un’anticchia – stop – così, preciso,

venghi dotto’, l’aiuto a fà manovra”,

e già t’ha cojonato cor soriso.

***

“E stia tranquillo, je la guardo io”,

ma quello, co tentacoli da piovra,

se ’ntasca l’euro e se ne va … addio.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani

12 Luglio 2021

Italia Campione d’Europa

Italia Campione d’Europa

***

Che emozzione pe ‘na gran vittoria,

grazzie de còre a ‘sta nazzionale,

un europeo che sa de mondiale,

pe scrive er nome Italia ne la storia.

***

E vince poi sur campo der rivale,

che già stava a pregustà la gloria,

convinto de stravince che a memoria

de risurtati nun ne dà uguale.

***

Se va subbito sotto e p’er pareggio

c’è da soffrì, ma a la fine ariva,

supplementari gnente eppoi er sorteggio …

***

… pe li rigori … che un’artra vorta

ce premieno … in via definitiva,

vince l’italia … un grazzie a chi cià in porta.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

11 Luglio 2021

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

Dar Vangelo der giorno: “l’agnelli in mezzo a lupi”

***

Gesù, scerti settantadue, je disse

d’annà pe le città, parlà der Regno,

senza portà bisacce o artro fregno,

spiegannoje ‘ste poche cose fisse:

***

“Date la pace ché, si uno è degno,

j’ariverà, ma qua famo a capisse,

si nun v’accorgheno, nun fate risse,

sgrullateve la porvere pe segno.

***

Quela città, ner giorno der Giudizzio,

verà distrutta, che distrutta è poco,

nemmanco er comincio de l’inizzio.

***

Ma voi gioite, lontani dar foco,

de li demóni e ‘gni loro supplizzio,

perché sta scritto in Celo er vostro Loco”.

***

Stefano Agostino

________________________

***