Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Dicembre 12th, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

12 Dicembre 2018

Viktoria Plzen – Roma C.L.

Viktoria Plzen – Roma: 2-1

ééè

Stavorta sola, co ‘na senzazzione,

der tutto nova a vive la partita,

ché tanto come che fusse finita,

nulla cambiava in ottica girone.

***

La Roma, da seconna, era in gita,

ner freddo messo giusto a l’occasione,

pe annà a sgambà più pe prestazzione,

che pe giocasse un pezzo suo de vita.

***

Perciò nun conta tanto er risurtato,

che a la fine segna punti zero,

ma era pe sperà un gioco rinato.

***

Ma senza volé sempre vedé nero,

ce sta da reggistrà come er malato

nun è guarito certo pe davero.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Un Natale vero

Un Natale vero

ééé

Nun dico de nun favve li regali,

ma è vero che ormai basta er penziero,

in de ‘sto monno nostro priggioniero

de li ricchezze tutte artificiali.

***

Provate a fà Natale pe davero,

no come tutti l’anni e li natali,

co tanti pacchi e visi sempre uguali,

quanno d’amore ce n’è poco o zero.

***

Provate a penzà un poco ar “festeggiato”,

così tanto pe aricordà ch’ha fatto

ner giorno in cui sarebbe er celebrato.

***

Pe un anno date ascorto anche a la voce

de un “pupo” che cià già contorni e tratto

de Chi pe noi s’è fatto mette in Croce.

***

Stefano Agostino

_______________________

***