Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Giugno, 2021

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

23 Giugno 2021

Estate

Estate

***

’Na luce chiara e forte che t’avvorge,

un desiderio d’ombra e le zanzare,

l’urlo de li gabbiani lungo er mare,

l’arba de un sole novo che sconvorge.

***

Li pescatori, ar lume de lampare,

aspetteno la rete ch’arisorge,

un furmine de voje che te ’nsorge,

dopo l’inverno e le giornate amare.

***

Poi l’oro rosso acceso der tramonto,

a dì ch’è Giugno, er quale de nascosto,

s’abbraccica co Lujo che sta pronto…

***

… p’annà in vacanza inzieme ar sor Agosto,

prima de passà in cassa, pagà er conto,

e fà ritorno che Settembre è tosto.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

22 Giugno 2021

Villa Pamphilj

Villa Pamphilj

***

Si nun l’hai fatto ancora fino a ieri,

’na vorta vacce ar tempo de l’aurora,

ch’er sole piano piano la colora,

de verdi vivi, forti, pieni e veri.

***

Sta lì pe te, vestita da signora,

solo che passi in mezzo a li sentieri,

dimentichi le noie e li penzieri,

cor vento ch’accarezza quer che sfiora.

***

Ner saliescenni pòi ’ncrocià er laghetto,

abbraccicato a l’arberi d’attorno,

piantati lì che pareno un quadretto.

***

Si arzi l’occhi ar celo c’è er ritorno,

de passeri che canteno in farzetto,

Villa Pamphilj è tua dopo quer giorno.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Giochi di parole,Nuova edizione,Romanamente

21 Giugno 2021

Sorstizzi e equinozzi

Sorstizzi e equinozzi

***

Sorstizzi co equinozzi sò un probbrema:

ce se confonne, ma c’è diferenza,

nun solo pe diverza ricorenza,

ma pe l’oggetto stesso preso a tema.

***

Sorstizzi sò la massima pennenza

der Sole che sta ar centro der sistema,

ma che dà luce che s’allarga o scema,

seconno come “gira” in apparenza.

***

Invece l’equinozzi sò er momento

in cui la luce è pressoché uguale,

in tutto er monno, tera e firmamento.

***

Sia emisfero australe o boreale,

er succo de ’sta storia è un giramento

che si je toji un’elle viè de “pale”.

***

Stefano Agostino

________________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Giugno 2021

Dar Vangelo der giorno: “Gesù doma la tempesta”

Dar Vangelo der giorno: “Gesù doma la tempesta”

***

Disse Gesù: “Annamo a l’artra riva”,

rivorto a li discepoli, funesta

un’aria tutt’attorno de tempesta,

co loro in barca e guasi li corpiva.

***

Er tempo d’accucciasse e s’aridesta

pe l’urla de l’intera commitiva:

“Maestro, nun te ‘mporta che se viva?”

je fecero co toni de protesta.

***

Lui ordinò così a mare e vento:

“Carmateve”, eppoi se mise a sede,

e tutto se fermò in quer momento.

***

“Che ommini de quanta poca fede?”

– je disse a li discepoli in sgomento –

“Nun cià d’avé paura chi Me crede”.

***

Stefano Agostino

________________________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

19 Giugno 2021

Scarabbocchi su li muri

Scarabbocchi su li muri

***

Che gusto te pò dà, nun lo capisco,

’sto fatto de ’mbrattà ’gni muro tinto,

scarabbocchiallo pure ch’è dipinto,

e, quann’è ripulito, stesso disco.

***

Nun so qual è er motivo che t’ha spinto,

un’arte che però io nun gradisco,

a punto che ’gni vorta poi finisco,

de chiedeme: “Vabbè… ma mó ch’hai vinto?”

***

Magara pe ’na smania tua d’amore,

de ribbellione e de protagonismo,

o pe mostrà la rabbia co l’ardore.

***

Ma fatte dì, scusanno er francesismo,

che co ’sta bomboletta sei pittore,

de l’era der più arto “fancazzismo”.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

18 Giugno 2021

Porta Portese

Porta Portese

***

È rito, la domenica matina,

annà giranno pe Porta Portese,

cercanno robba che nun cià pretese,

dar cencio vecchio a ’na lampadina.

***

Ma tocca stà in campana co le spese,

capanno tra la merce ballerina,

che si ’na cosa nun è truffardina,

ce sò un sacco de sòle e de sorprese.

***

Un “Tutt’a 10 euri” inzù quer banco:

“Signo’, ’sta tuta è la misura sua?

Je sta sputata e ce l’ho pure in bianco!”

***

“La soneria me pare quella tua,

ma sì… quella der tizzio qui a fianco?” –

“È er cellulare mio, mortaccisua!”

***

Stefano Agostino

_____________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

17 Giugno 2021

17 giugno 2001


17 giugno 2001

***

Vent’anni oggi da quann’è successo,

a me, nun so perché, me pare ieri,

la lunga sfida co li bianconeri,

che m’arivivo guasi fusse adesso.

***

E m’aricordo l’anzia e li penzieri,

prima de comincià, quer giorno stesso,

sospeso tra l’euforico e l’ossesso,

speranno che quell’attimo s’avveri. 

***

Poi finarmente ecco la partita,

li nostri che se sfileno la tuta,

pe vive er sogno che vale ‘na vita.

***

E ’gni paura pare sconosciuta,

quanno s’eterna la gioia infinita,

co Totti, co Montella e Batistuta.

***

Stefano Agostino

***