Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Novembre, 2021

I sonetti romani,Schegge di vita

20 Novembre 2021

A Silvana

A Silvana

***

De tutti noi sei un po’ come ‘na mamma,

de certo nun sortanto ‘na collega,

perciò qui ‘sto legame ce ce lega,

va ortre la penzione e er suo programma.

***

E poi der resto a noi checcenefrega,

tu sei Silvana, che pe noi nun smamma,

e oggi stàmo qui senza fà dramma,

semmai pe festeggià … guai chi lo nega …

***

… che te volemo bene e resterai,

pe sempre inzieme in nostra compagnia,

anche si oggi pare te ne vai …

***

… ma pure in mezzo a tutta l’alegria,

‘na lacrimuccia parte, e ce lo sai,

ch’è triste e vòta la tua scrivania.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

18 Novembre 2021

Er romanesco

Er romanesco

***

Tu dimme si ce sta un artro dialetto,

ch’è più de còre de quello romano,

un artro più scaciato e a la mano,

senza dumila fronzoli, diretto.

***

Er romanesco, a ciancicà nostrano,

più che ’na lingua, è er modo più perfetto,

de tirà fòra quer che ciài ner petto,

che nun potresti scrive in italiano.

***

Quella de Roma, arta o popolare,

nun è sempricemente ’na parlata,

così, pe fà du’ chiacchiere da bare.

***

Pe come ch’esce, è musica cantata,

ma ce vò un fiato suo particolare,

che cià solo la bocca che c’è nata.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Schegge di vita

La radio

La radio

***

Da sempre è la compagna più fedele,

nun guarda mai si ciò raggione o torto,

nun m’abbandona, ma vive d’ascorto,

sia cor destino bono che crudele.

***

Me sta vicina pe damme conforto,

quanno che manno giù gocce de fiele,

a vorte è mejo der più dorce miele,

e me raddrizza già l’umore storto.

***

Nun chiede in cambio gnente com’er vento,

ma solo che je porgo un po’ d’orecchio,

j’abbasta questo pe famme contento.

***

L’ascorterò fin quanno sarò vecchio,

armeno fino ar giorno che ce sento,

dopo la smorzo … e bonanotte ar secchio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***

I sonetti romani,Nuova edizione,Romanamente

17 Novembre 2021

La tranvata

La tranvata

***

Ciavevi quer fior fiore de pischella,

che te voleva bene fino in fonno

e t’avrebbe seguito in capo ar monno,

co l’occhi luminosi de ’na stella.

***

Ma tu ch’hai vinto er premio “er mejo tonno”,

l’hai fatta piagne come fontanella,

pe córe appresso a quarche mignottella,

e mó che t’ha lassato hai perzo er sonno.

***

Nun so’ nisuno pe fà er moralista,

ché ne la vita ho sbajato tanto,

da mannà in crisi pure l’analista.

***

Ma appunto, pe nun vive de rimpianto,

quanno che rifarai un’artra conquista,

tiettela stretta e trattela cor guanto!

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Tempi d'oggi

16 Novembre 2021

Contaggi loro

Contaggi loro

***

Ma penza … c’è riaumento der contaggio.

Porca miseria, chi l’avrebbe detto?

Mica sarà p’avé riaperto er getto,

libberi tutti, senza più un ostaggio?

***

Nun c’entreranno, manco pe difetto,

li mezzi pubbrici pieni da ortraggio?

Cento pe cento ovunque … che coraggio,

a dì che questo aumento è causa-effetto.

***

Come penzà che c’entri quarche cosa

lo smart-working bello e superato?

Le scòle tutte piene? Solo prosa.

***

Noi nun seguimo certo ‘sto gran coro,

ma un dubbio un po’ ce viè … nun sarà stato,

pe l’anima de li contaggi loro?

***

Stefano Agostino

_______________________

***

Frammenti di Roma,I sonetti romani,Nuova edizione

15 Novembre 2021

Piazza der Popolo

Piazza der Popolo

***

Er Corzo, Babbuino e via Ripetta,

je chiudeno er Tridente a fà piazzale,

seguenno l’obbelisco pe puntale,

cor Pincio che da sopra fa vedetta.

***

’Sta piazza se ne sta così, centrale,

tra er sueggiù de chi se move in fretta,

e chi se gusta er tempo che je spetta,

godennoselo tutto e nun fa male.

***

Se lucida incantata la matina,

quanno che ancora gira poca gente,

più tardi, che s’ariempie, se ’ncasina.

***

In quer momento prima, a luci spente,

che l’arba appena appena se ’ncammina,

l’eco de tutta Roma s’arisente.

***

Stefano Agostino

______________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

14 Novembre 2021

Dar Vangelo der giorno: “segni dar Celo”

Dar Vangelo der giorno: “segni dar Celo”

***

“Così veranno segni indentr’ar Sole,

come ner Celo e angoscia e anzia granni,

in mezzo a li mortali co li panni

tutti a tremà inzieme a occhi e gole.

***

Ovunque ce saranno grossi danni,

in celo, tera e mare e in quela prole,

che nun ha dato ascorto a le Parole,

che Dio j’ha rivelato in anni e anni.

***

Quer giorno tornerà ne la Sua Gloria,

er Fìo de l’Omo a dà libberazzione,

a chi l’ha messo ar centro de la Storia.

***

Ma er quanno de ‘sti fatti è ‘na nozzione,

che solo er Padre Mio porta in memoria,

sappiate dà a ‘sti segni spiegazzione”. 

***

Stefano Agostino

________________________

***