Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre 29th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

29 Settembre 2019

Lecce – Roma

Lecce – Roma: 0-1

***

La Roma vince e vince uno a zero,

nun prenne go’ è già un ber barzo avanti,

eppoi in trasferta sò punti sonanti,

che te fanno riarzà da un passo nero.

***

Se sbaja anche un rigore, ma fra tanti,

de certo pò succede pe davero,

ma er go’ de Dzeko basta tutto intero

a dà vittoria e fà punti importanti.

***

Ma ancora un’artra vorta l’arbitraggio

nun ce convince quanto meno er VAR,

usato solo quanno dà svantaggio.

***

C’è da capì er perché er come e er quanno,

e nun de certo in chiacchiere da bar,

er VAR se usa e adesso a inizzio d’anno.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er riccone e er povero Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “Er riccone e er povero Lazzaro”

***

I

Un magnaccione pieno assai de grano,

se dava a li banchetti e un poveraccio

lì in su la porta sua co quarche straccio,

chiedeva da magnà un avanzo invano.

***

Er povero morì e, pe un fattaccio,

er ricco pure, ma diverzo er piano

p’er primo er Paradiso e l’artro, sano,

tirato giù a l’Inferno, ar peggio braccio.

***

Er ricco chiese a Abramo: “Fa’ er favore:

me pòi mannà un po’ d’acqua, ciò ‘na sete,

in mezzo a ‘sto gran foco e a ‘sto calore?

***

Ve prego, fate presto su, corete,

nun ce la faccio a sopportà er dolore,

‘sta fiamma che me brucia, nun sapete”.

***

II

***

Ma Abramo j’arispose: “Nun lo sai,

che tra voi e noantri in Paradiso,

ce sta un abbisso che terà diviso,

pe sempre chi sta “Qui” e chi tra guai.

***

E allora quello ar foco, tutto intriso

de gran tristezza, disse: “Allora vai,

da li’ fratelli vivi, a cui dirai

de nun fà come me, senza un soriso”.

***

Abramo replicò: “A ‘sti fratelli,

che ciànno già Mosè e li Profeti,

nun je serveno artri campanelli.

***

Si nun vonno seguì leggi e decreti,

manco a mannà li morti da ‘st’avelli

je dànno retta … è inutile che mieti!”

***

Stefano Agostino

__________________________

***