Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 6 Settembre, 2019

I sonetti romani,Tempi d'oggi

6 Settembre 2019

Nun m’avveleno più

Nun m’avveleno più

***

Nun m’avveleno più, me so’ stufato,

me metto già affacciato a la finestra,

curioso de vedé che ‘sta minestra,

saprà mai fà, ner tempo der mannato.

**+

Che ciò le palle gonfie … taja extra,

de quello ch’hanno tutti combinato,

inciucio, tradimentento, cojonato

l’elettorato da sinistra a destra.

***

Nun vojo più discute co nessuno,

ché tanto coerenza co coraggio,

sò doti rare da trovà in quarcuno.

***

De certo da ‘sto sito quanno assaggio

quarcosa che fa schifo, sarvognuno,

la rimerò rischianno arch’er linciaggio.

***

Stefano Agostino

_______________________

***