Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre, 2019

I sonetti romani,Romanamente

31 Ottobre 2019

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

“Halloween”, dorcetto o sonetto?

***

Fantasmi, mostri, zucche e facce vote,

no, nun è er Parlamento, è “Halloween”,

la festa ’ndó arisona er din din din,

der commerciante che nun cià artre note.

 ***

E sì, perché oggiggiorno è un po’ più “in”,

de scimmiottà l’usanze artrui idiote,

anche quelle più assurde o ignote,

che noi importamo senza fà er “check-in”.

 ***

Vampiri, pipistrelli e fattucchiere,

arancio e nero a faje da tintura,

tra maschere de streghe e de dentiere.

 ***

Ma ce sta pure chi, pe sua natura,

arisparmianno er trucco e er parucchiere,

basta ch’esce così, già fa paura!

***

Stefano Agostino

________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

30 Ottobre 2019

Udinese – Roma

Udinese – Roma: 0-4

***

La Roma vince nonostante tutto,

e vince bene e segna ‘na quaterna,

ner mentre l’avverzario se squaderna

ma nun ce riesce mica a coje er frutto.

***

Cor solito arbitraggio de ‘na terna,

che qui ce prova e anche assai de brutto

su l’uno a zero a mannà distrutto,

tutt’er lavoro de la Roma eterna.

***

Ché dopo er go’ er primo de Zaniolo,

viè sanzionata co un’espurzione

a Fazio che nun fa fallo co dolo.

***

Ma Smalling poi raddoppia, eppoi l’azzione

p’er tre de Kluivert che va vista a nolo,

poi Kolarov fa er quarto … ovazzione. 

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Quer che conta veramente

Quer che conta veramente

***

Nun c’è ‘na cosa ar monno più evidente,

che pòi sperimentà ‘gni giorno fino

a quanno che ce l’hai, grazzie ar Destino,

che fa valorizzà ciò ch’è presente …

***

… che ariguarda chi te sta vicino,

parente o amico, poco conta o gnente,

quello che vale è er fatto solamente

de fà tesoro, mejo de un bottino …

***

… pe quer che dà e che serve comunque,

più de proverbi, tradizzioni e detti,

pe fà un momento eterno co chiunque, …

***

fin quanno che ce l’hai, dico, l’affetti,

de dimostraje er bene e quinni, ar dunque,

tenelli abbraccicati stretti stretti.

***

Stefano Agostino

___________________

***

I sonetti romani,Romanamente

29 Ottobre 2019

Quanno che ariva l’influenza

Quanno che ariva l’influenza

***

Comincia quann’è più un tinticarello,

lo senti, ma è ‘na punta, in de la gola,

man mano però brucia e la parola

s’abbassa fin’a diventà un fruscello.

***

Poi inizzi a stranutì e te conzola,

er tempo de un minuto, manco quello,

cor fazzoletto … e te ce vò l’ombrello

quanno l’EETCIU’ te parte e tutto vola.

***

Poi brividi de freddo e mar de testa,

scatta la tosse a compretà er quadretto,

der virus che co te ce sta a fà festa.

***

Te doleno le ossa e pe ‘st’effetto,

la febbre te vò dì che nun te resta

gnent’artro più che da infilatte a letto.

**

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

27 Ottobre 2019

Roma – Milan


Roma – Milan: 2-1

***

E finarmente ariva ‘na vittoria,

dopo un ottobbre certamente avaro,

la Roma batte er Milan e ciò sia chiaro,

nun c’è stata partita mai, né storia.

***

Ch’er due a uno è persino baro,

la Roma meritava ben più gloria,

ma de ‘sti tempi vale a fà bardoria,

e poi se vince e vince vale caro.

***

Er primo go’ è de Dzeko mascherato,

che poi segna co un gran ber go’ de testa,

poi er pari loro …  ma stavorta er dato …

***

… è che la Roma resta sveja e desta,

e co Zaniolo e un tocco carcolato,

fa due a uno, ner mentre famo festa.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

***

Gesù j’ariccontò der fariseo,

cor pubblicano e la preghiera ar Tempio,

er primo a dì: “Io sì che so’ un esempio,

nun faccio er ladro e nun so’ mica un reo.

***

Nun vivo, certo, come pò fà l’empio,

e pago quer che devo e qui me beo

de recità: “Gloria in excelsis Deo”,

de grazzie co ‘sta bocca me ce riempio”.

***

Er pubblicano invece a testa bassa,

diceva a Dio: “So’ un granne peccatore,

abbi pietà de me e de ‘sta carcassa”.

***

E Dio che riesce a misurà l’Amore,

ar fariseo je disse: “Tu aripassa”,

er pubblicano perdonò de còre.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

25 Ottobre 2019

Ora solare

Ora solare

***

Quanno aritorna un dì l’ora solare,

è come fregà er tempo a l’orologgio,

è un freno a mano ar monno, è dà un appoggio,

si vòi dormì deppiù, quanto te pare.

 ***

E nun c’è arbergo, residenza, alloggio,

mejo de casa tra perzone care,

’ndò pòi scallatte l’ossa come ar mare,

disteso, senza l’obbrigo de sloggio.

 ***

Ripenzi a ieri e a come hai fatto mai,

a vive tutto er giorno un’ora avanti,

manco si stessi ar fuso de le “Hawaii”.

 ***

E mentre te la soni e te la canti,

ma le risposte esatte nun le sai,

hai perzo un’ora … e mó de che te vanti?

***

Stefano Agostino

______________________________

**