Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Settembre, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

29 Settembre 2019

Lecce – Roma

Lecce – Roma: 0-1

***

La Roma vince e vince uno a zero,

nun prenne go’ è già un ber barzo avanti,

eppoi in trasferta sò punti sonanti,

che te fanno riarzà da un passo nero.

***

Se sbaja anche un rigore, ma fra tanti,

de certo pò succede pe davero,

ma er go’ de Dzeko basta tutto intero

a dà vittoria e fà punti importanti.

***

Ma ancora un’artra vorta l’arbitraggio

nun ce convince quanto meno er VAR,

usato solo quanno dà svantaggio.

***

C’è da capì er perché er come e er quanno,

e nun de certo in chiacchiere da bar,

er VAR se usa e adesso a inizzio d’anno.

***

Stefano Agostino

***

 

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er riccone e er povero Lazzaro”

Dar Vangelo der giorno: “Er riccone e er povero Lazzaro”

***

I

Un magnaccione pieno assai de grano,

se dava a li banchetti e un poveraccio

lì in su la porta sua co quarche straccio,

chiedeva da magnà un avanzo invano.

***

Er povero morì e, pe un fattaccio,

er ricco pure, ma diverzo er piano

p’er primo er Paradiso e l’artro, sano,

tirato giù a l’Inferno, ar peggio braccio.

***

Er ricco chiese a Abramo: “Fa’ er favore:

me pòi mannà un po’ d’acqua, ciò ‘na sete,

in mezzo a ‘sto gran foco e a ‘sto calore?

***

Ve prego, fate presto su, corete,

nun ce la faccio a sopportà er dolore,

‘sta fiamma che me brucia, nun sapete”.

***

II

***

Ma Abramo j’arispose: “Nun lo sai,

che tra voi e noantri in Paradiso,

ce sta un abbisso che terà diviso,

pe sempre chi sta “Qui” e chi tra guai.

***

E allora quello ar foco, tutto intriso

de gran tristezza, disse: “Allora vai,

da li’ fratelli vivi, a cui dirai

de nun fà come me, senza un soriso”.

***

Abramo replicò: “A ‘sti fratelli,

che ciànno già Mosè e li Profeti,

nun je serveno artri campanelli.

***

Si nun vonno seguì leggi e decreti,

manco a mannà li morti da ‘st’avelli

je dànno retta … è inutile che mieti!”

***

Stefano Agostino

__________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

28 Settembre 2019

Greta Thunberg

Greta Thunberg

***

Anche si co ‘na forma un po’ pressante,

ma certamente a effetto, ce sta Greta,

co la campagna pe sarvà er pianeta,

che fa vedé de quanto sia importante …

***

… difenne la natura e un po’ profeta,

raduna gioventù stretta o distante,

co l’obbiettivo che appare gigante,

de aripulì la Tera come meta.

***

Si Greta lotta quinni pe ‘sto monno,

da tutelà, ner mentre quarcheduno,

se ne strafrega e nun ce perde er sonno …

***

…perché minimizzà ‘gni sua parola,

e ‘sti ragazzi appresso a fà er raduno,

dicenno … è un modo pe sartà la scòla?

***

Stefano Agostino

___________________________

***

La Roma in rima,Poesie romaniste

27 Settembre 2019

27 settembre 1976

27 settembre 1976

 

Francé, nun basta certo ‘sto sonetto,

pe ringrazziatte d’èsse come sei,

campione dentro e fòri a li tornei,

che vale più de ‘gni artro scudetto.

***

Ché Roma co te cià du’ Colossei,

e quinni che ce sta de più perfetto,

da dì pe ripagatte de l’affetto,

che a disegnallo in rima nun potrei.

***

Quello ch’hai dato tu a indossà sta maja,

lo pò sapé sortanto la memoria,

de chi la ama come te in battaja.

***

Chi te dà addosso cerca vanagloria,

nun je va giù, je rode e strilla e raja,

che er nome tuo è già scritto ne la STORIA.

***

Stefano Agostino

***

La Roma in rima,Stagione 2019-20

25 Settembre 2019

Roma – Atalanta

Roma – Atalanta: 0-2

***

Brutta partita, poco qui d’aggiunge,

la Roma lassa er campo e li tre punti,

a l’Atalanta, fine de riassunti,

senza trovà la forza mai de punge.

***

Se prova er primo tempo a stà compunti,

e pure ner seconno se raggiunge

lo stesso scopo fin’a che nun funge

più de quarcosa tra li schemi assunti.

***

Dispiace nun avé visto la rabbia,

de reaggì ‘na vorta iti sotto,

simmai semo finiti ne la gabbia.

***

C’è da riarzasse subbito a l’istante,

anche si cor morale un ber pò rotto,

e c’è davanti chi già è un po’ distante.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Si vòi stà mejo

Si vòi sta mejo

***

Si c’è ‘na cosa che sempre te frega,

è che t’aspetti quer comportamento,

da l’artro in quer preciso suo momento,

ma invece fa ciò che poco se spiega.

**+

L’erore, causa de ‘sto tuo lamento,

è figuratte te in quela bega,

come aggiresti e fà er confronto lega

l’assenza sua e de tutti l’artri cento.

***l’

‘Gni omo è un monno unico e diverzo,

da ‘gni artro omo, pure similare,

ché a cercà un artro uguale te sei perzo.

***l’

Nun passà più così giornate amare,

accetta ‘sto principio d’univerzo,

‘gni omo è goccia e tutti assieme er mare.

***

Stefano Agostino

_____________________

***

I sonetti romani,Schegge di vita

24 Settembre 2019

Ciao Mariano

Ciao Mariano

***

Che eri un angioletto su ‘sta Tera,

ce lo sapeva chi mó je fa strano,

sapé che sei tornato tu, Mariano,

Là ‘ndove nun c’è fame e nun c’è guera.

***

Co l’occhio dorce che te sfiora piano,

de chi te guarda er còre e che nun spera,

chissà che da riceve, giorno e sera,

da ‘gni quarcuno che je dà ‘na mano.

***

E t’aricorderò pe la tua Fede,

più semprice e spontanea, de chi ha visto,

scintille d’Ardilà e je basta a crede.

***

Ner mentre penzo a te, che me rattristo,

‘na cosa me conzola … è che sto a véde

ne l’occhi tua lo sguardo Suo … de Cristo. 

***

Stefano Agostino

_______________________

***