Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre 18th, 2019

I sonetti romani,Schegge di vita

18 Ottobre 2019

Ciao Francesco

Ciao Francesco

***

A riassemblà li pezzi nun ce riesco,

ciò in mente solo l’occhi tua e quer viso,

ch’è sempre acceso dentro a un gran soriso,

che fa parte de te, caro Francesco.

***

Sei ito via così a l’improviso,

senza avvertì, che so, dicenno … “esco”,

parole ‘ndó le cerco e ‘ndó le pesco,

ner mentre t’avvicini ar Paradiso.

***

Ché tanto te s’è aperta quela porta,

der Regno de Giustizzia e Eterna Pace,

che nun conosce certo gente morta.

***

Pe chi hai lassato qui io prego Dio,

pe dà conforto, mó che tutto tace,

a chi più piagne: tu’ moje e tu’ fìo.

***

Stefano Agostino

_________________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er Venerdì

Er Venerdì

***

È er preferito, odora de riposo,

er quinto giorno de la settimana,

solo l’idea, de ’ncanto, m’allontana,

dar posto de lavoro ’ndò so’ esploso.

 ***

Er venerdì è un vero toccasana,

si fosse donna, je farei da sposo,

l’aspetto da quer dì, e er verzo chioso,

com’er bambino aspetta la Befana.

***

È l’apripista der “uichend” sognato,

quann’è matina presto che già arbeggia,

la sveja nun commette più un reato.

 ***

Me sento un Re ar centro de la reggia,

pe un attimo de pace ch’è passato,

… ritorna Lunedì che me schiaffeggia.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***