Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for Ottobre 27th, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

27 Ottobre 2019

Roma – Milan


Roma – Milan: 2-1

***

E finarmente ariva ‘na vittoria,

dopo un ottobbre certamente avaro,

la Roma batte er Milan e ciò sia chiaro,

nun c’è stata partita mai, né storia.

***

Ch’er due a uno è persino baro,

la Roma meritava ben più gloria,

ma de ‘sti tempi vale a fà bardoria,

e poi se vince e vince vale caro.

***

Er primo go’ è de Dzeko mascherato,

che poi segna co un gran ber go’ de testa,

poi er pari loro …  ma stavorta er dato …

***

… è che la Roma resta sveja e desta,

e co Zaniolo e un tocco carcolato,

fa due a uno, ner mentre famo festa.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

Dar Vangelo der giorno: “er fariseo e er pubblicano”

***

Gesù j’ariccontò der fariseo,

cor pubblicano e la preghiera ar Tempio,

er primo a dì: “Io sì che so’ un esempio,

nun faccio er ladro e nun so’ mica un reo.

***

Nun vivo, certo, come pò fà l’empio,

e pago quer che devo e qui me beo

de recità: “Gloria in excelsis Deo”,

de grazzie co ‘sta bocca me ce riempio”.

***

Er pubblicano invece a testa bassa,

diceva a Dio: “So’ un granne peccatore,

abbi pietà de me e de ‘sta carcassa”.

***

E Dio che riesce a misurà l’Amore,

ar fariseo je disse: “Tu aripassa”,

er pubblicano perdonò de còre.

***

Stefano Agostino

_______________________________

***