Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 5 Ottobre, 2019

I sonetti romani

5 Ottobre 2019

Er penziero – Trilussa

Er penziero

***

Qualunque sia penziero me viè in mente,

prima de dillo aspetto e grazzi’a Dio,

finché arimane ner cervello mio,

nun c’è nissuno che me pò dì gnente.

***

Ma s’opro bocca e je do fiato, addio.

L’idea nun se confinfera a la gente,

me pò fà nasce quarche inconvegnente,

e allora er responsabbile so’ io.

***

Pe questo, ner risponne a quarche amico,

che vorebbe sapé come la penzo,

peso e misuro tutto quer che dico.

***

E metto tra er penziero e la parola,

la guardia doganale der bon senzo,

che me sequestra er contrabbanno in gola.

***

Trilussa

________________

***