Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 6 Ottobre, 2019

La Roma in rima,Stagione 2019-20

6 Ottobre 2019

Roma – Cagliari

Roma – Cagliari: 1-1

***

Nun c’è da dì gnent’artro che “monnezza”,

pe ‘st’arbitraggi ciò solo ribbrezzo,

so’ stufo de ‘sto schifo co un olezzo,

che nun cià paragoni pe schifezza. 

***

Co decisioni de cui paghi er prezzo

e giudici che sò sempre a l’artezza,

de cambià tutto e mettece ‘na pezza,

quanno ch’er risurtato è mezzo mezzo.

***

Perciò nun la commento ‘sta partita,

che nun c’è stata mai, ma conta poco,

come la rabbia da smartì, infinita.

***

Che continuamo a fà a seguì ‘sto gioco,

più finto de ‘na farza mar riusciuta,

e manco chiudo er verzo … pressappoco.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani,Schegge di vita

Dar Vangelo der giorno: li servi inutili

Dar Vangelo der giorno: “li servi inutili”

***

L’Apostoli je chiesero: “Signore,

aumenta in noi la fede”, j’arispose:

“Co un po’ de Fede, a voi, tutte le cose,

ve obbedirebbero co gran fervore.

***

Potreste dì a ‘sto gelso:  – Tu e ‘ste rose,

vatte a piantà ner mare, fa’ er favore – 

lui lo farebbe senza fà rumore,

e co anticchie de Fede in quanto a dose.

***

Dovete èsse servi che er padrone

sa che pò commannà e che loro fanno,

senza pretenne grazzie ne l’azzione.

***

Anzi simmai voi dite de rimanno:

noi semo servi inutili … e a raggione,

ché aggischeno sortanto pe commanno”.

***

Stefano Agostino

__________________________

***