Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 5, 2018

I sonetti romani,Schegge di vita

5 novembre 2018

Che t’è successo?

Che t’è successo?

***

Ma che vor dì quer grugno triste e spento?

Che t’è successo? Nun sei più lo stesso,

da che ridevi sempre a ‘sto cipresso,

che nun me pari te, a guardatte attento.

***

Si nun vòi ariccontà in modo espresso,

che è che t’ha ammosciato in un momento,

armeno dimme si pe ‘sto tormento

ce sta rimedio, te lo cerco adesso.

***

Te guardo e t’ariguardo e resti zitto

pe quanto posso avvicinà l’orecchio,

nun fiati, muto de favella e scritto.

***

Rimango co ‘sto dubbio pe parecchio,

fin quanno l’occhio tuo me guarda dritto

indentr’ar mio ner fonno de ‘sto specchio.

***

Stefano Agostino

_____________________________

***