Roma in rima -  Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

L'archivio di novembre 3, 2018

La Roma in rima,Stagione 2018-19

3 novembre 2018

Fiorentina – Roma

Fiorentina – Roma: 1-1

***

Stavorta tocca a noi pià un pareggio

dop’èsse stati guasi sempre sotto,

in un campaccio, da cui esci rotto

più spesso assai de quanno ce fai un freggio.

***

Un pari che dà un punto nun è motto

pe arivà lassù, ma dà un ber seggio,

ner senzo che poteva annà ben peggio,

e caro se pagava qui lo scotto.

***

La Roma se l’è tutto meritato,

e pe ‘na vorta, quanno che perdeva,

se l’è giocata e va conziderato.

***

‘Sta cosa infatti già nun succedeva

dar tempo circa, guasi, approssimato,

solo un po’ prima de Adamo e Eva.

***

Stefano Agostino

***

I sonetti romani

Aldo Fabrizi – La Creazzione

La Creazzione

***

Dio disse: “Mó ch’ho fatto Cèlo e Tera,

domani attacco Luce e Firmamento,

mercoledì fò er Mare, doppo invento

farfalle e fiori pe la Primavera.

***

Pe giovedì fo er Sole, verzo sera

fò li Pianeti, er Foco, l’Acqua e er Vento,

così si venerdì nun vado lento

sabbato faccio ingrese e bonasera!”

***

Finì defatti er sabbato abbonora,

“Mó – disse – vojo véde chi protesta,

dicenno ch’er Signore nun lavora.

***

Ho sfacchinato quarant’ore … basta.

Domani ch’è domenica fò festa,

e prima de fà Adamo, fò la Pasta!”.

***

Aldo Fabrizi

___________________________

***