Roma in rima - Sonetti e poesie in romanesco di Stefano Agostino

Archive for 16 Novembre, 2018

I sonetti romani

16 Novembre 2018

Trilussa – L’eroe ar caffè

trilussa - l'eroe ar caffè

L’eroe ar caffè

***

È stato ar fronte, sì, ma cor penziero,

però te dà le spiegazzioni esatte

de le battaje che nun ha mai fatte,

come ce fusse stato pe davero.

***

Avresti da vedè come combatte

ne le trincee d’Aragno. Che gueriero!

Tre sere fa, pe prenne er Montenero,

ha rovesciato er cuccomo der latte.

***

Cor su sistema de combattimento

trova ch’è tutto facile: va a Pola,

entra a Trieste e bombarda Trento.

***

Spiana li monti, sfonna, spara, ammazza,

“Pe me – borbotta – c’è ‘na strada sola”

e intigne li biscotti ne la tazza.

***

Trilussa

______________________

***

I sonetti romani,Romanamente

Er lisciabbusso

Er lisciabbusso

***

Ma a che te serve statte a piagne addosso

e lamentatte de continuo, fisso,

a véde lo sprofonno de l’abbisso,

dar punto esatto ar limite der fosso.

***

Ciài più dolori te der Crocifisso,

sei aggitato come un mare mosso

e nun t’accorgi che sbaji de grosso

a stà così, perennemente affisso.

***

Ché invece de penzà solo a te stesso,

si te guardassi intorno, giusto a un passo,

vedresti quanti guai ce stanno appresso.

***

E invece de lagnatte qui, indiscusso,

nun t’arivava ‘sto sonetto a scasso,

a fatte un artro vano lisciabbusso.

***

Stefano Agostino

__________________________________

***